sabato 18 Settembre 2021 Riforma (Mes) sen.Ricciardi: “Occhi aperti, la Sovranità degli Stati Europei non si Tocca” | infosannionews.it sabato 18 Settembre 2021
Smooth Slider

Concettina Valente si laurea in Giurisprudenza.

Grande festa in casa Antonio Valente per il prestigioso traguardo ...

Nunzia Signoriello (Lista Mastella) : Mastella c'è sempre per la gente!

"Una stretta di mano, una pacca sulla spalla, un gesto ...

Educational Tour “Discovery Italy”: il sindaco ha incontrato a Benevento sette tour operator internazionali

Ho ricevuto, ieri, a Palazzo Mosti,scrive Clemente Mastella, una delegazione ...

Moretti : “Un voto maleducato e basta! “

Moretti : Un voto maleducato e basta!

A fine agosto, scrive Moretti,  abbiamo lanciato l’appello al voto ...

I dati sui tamponi Covid al “San Pio”

I dati sui tamponi Covid al San Pio

Si comunica che l’A.O.R.N. “San Pio” di Benevento, ha processato ...

Violento temporale in città. Squadre dell'ASIA in azione

L'Asia comunica che questo pomeriggio unità del proprio personale aziendale ...

Riforma (Mes) sen.Ricciardi: “Occhi aperti, la Sovranità degli Stati Europei non si Tocca”

20/06/2019
By

Sabrina Ricciardi M5S

“In sede europea  – spiega la senatrice Sabrina Ricciardi M5S – si sta lavorando per dare un nuovo volto al Meccanismo Europeo di Stabilità (Mes). Sostanzialmente il Mes riformato darebbe la possibilità di monitorare e sondare la sostenibilità debitoria degli Stati in via preventiva, di concerto con la Commissione europea. Si dice che tecnicamente la Troika potrebbe così non esistere più, ma il motivo è semplice: agendo ex ante, non occorrerà più usare le maniere forti dopo. Un pò come mettere il carro davanti ai buoi. Il problema principale, tuttavia, potrebbe dipendere dai criteri stabiliti per chiedere l’intervento del Mes, prossimo alla trasformazione in Fondo Monetario Europeo. In virtù di quanto paventato dall’Eurogruppo, l’accesso ai finanziamenti dovrebbe essere vincolato (anche) alla riduzione del debito al di sotto del 60%, al non superamento del 3% del rapporto deficit pil (neanche in caso di recessione) a bilanci statali immacolati, all’assenza di procedure di violazioni e ad un debito sostenibile.

Quindi,  – continua Ricciardi – qualora il nostro paese fosse in crisi di liquidità, per ricorrere agli aiuti del Mes dovrebbe ridurre il debito di decine di miliardi di euro in un anno, tagliandolo oltre il 50%. Questa scelta metterebbe la parola fine ai potenziali interventi di politica economica e fiscale statale, comportando potenzialmente il dimezzamento dei servizi a favore dei cittadini e dunque una sforbiciata netta alla nostra legge di bilancio: paradossalmente un disegno del genere potrebbe indurre i paesi in difficoltà a tentare un’uscita dall’euro, piuttosto che sottostare a questi vincoli più che stringenti.

Dunque, la riforma del Mes dovrebbe prendere in considerazione questo rischio insito nelle pieghe del perimetro che si sta disegnando. Anche perchè non vorrei che l’accettazione di queste condizioni da parte dell’Italia fosse la moneta da pagare per evitare la procedura d’infrazione.

E’importante  – conclude la senatrice pentastellata – tutelare il sistema Europa dai probabili scricchiolii che una riforma del genere potrebbe apportare, ma al contempo salvaguardare la sovranità che, come recita l’articolo 1 della Costituzione, appartiene al popolo italiano”. Così in una nota la Senatrice Sabrina Ricciardi (M5S), membro della Commissione Politiche europee al Senato della Repubblica.

Tags: ,