sabato 16 Gennaio 2021 Azione Cattolica diocesana, le interviste on-line di “ANTIVIRUS” ripartono dal tema del lavoro con la testimonianza di tre ristoratori | infosannionews.it sabato 16 Gennaio 2021
Smooth Slider
Lucio Lonardo : ” Scarsa informazione all’utenza sui vaccini”

Lucio Lonardo : Scarsa informazione all'utenza sui vaccini

Scrive Lucio Lonardo : "VACCINO AUDACES JUVAT! Con questo aforisma, ...

Movimento Nazionale Rete dei Patrioti. Manno : I nostri ragazzi hanno bisogno dello sport!

Ivano Manno contro le chiusure ad oltranza.Il protrarsi delle restrizioni ...

Benevento Libera chiede le dimissioni dell’Assessore Serluca  per grave violazione di Legge. Chiesta anche Commissione d’Inchiesta.

Benevento Libera chiede le dimissioni dell'Assessore Serluca per grave violazione di Legge. Chiesta anche Commissione d'Inchiesta.

L’Associazione “Benevento Libera” denuncia ai cittadini di Benevento la grave ...

Lavori Discarica stamane Di Maria in sopralluogo a Sant'Arcangelo Trimonte

Antonio Di Maria, Presidente della Provincia di Benevento, con il ...

Asl, oggi 23 positivi su 275 tamponi

L'Asl di Benevento comunica che dai 275 tamponi effettuati oggi ...

Azione Cattolica diocesana, le interviste on-line di “ANTIVIRUS” ripartono dal tema del lavoro con la testimonianza di tre ristoratori

15/11/2020
By

Lavoro, ambiente, scuola, fraternità e giustizia sociale.

Ripartono le interviste di “ANTIVIRUS – Abitare questo tempo in piedi”, format curato sulla propria pagina fb dall’Azione Cattolica diocesana di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti. La pandemia ha ampliato l’eco di problemi atavici, presenti da anni, ingrandendone alcuni e creandone degli altri. A pagarne il prezzo più alto, come sempre, sono i più deboli, gli indifesi, gli invisibili. Domani, lunedì 16 novembre alle ore 18, il primo dei quattro appuntamenti di approfondimento e di formazione. Si partirà dal tema del lavoro, della crisi economica e di possibili nuovi modelli di sviluppo economico-sociale da mettere in piedi. Interverranno, partendo dalla propria esperienza, vissuta dal primo lockdown ad oggi, lo chef Ignazio Ciaramella, titolare del ristorante-pizzeria “da Liberato” a Moiano, e i ristoratori Linda Di Giacomo e Marco Mongillo de “La Taverna del Conte” di Cusano Mutri. La condivisione e il confronto di idee sono alla base dell’ascolto e del dialogo, ancora di più in questo momento. E non essere distratti e indifferenti, per non lasciare nessuno indietro, dovrebbe essere l’imperativo rispetto alle situazioni di difficoltà che accadono e di disagio che si vivono. Occorre sempre partire e ripartire dal responsabilizzarci a vicenda, formando le coscienze ed educando al pensiero critico.

Tags: