venerdì 28 Gennaio 2022 POSTE: Adiconsum: il “cambiamento” di Poste Italiane solo a danno dei consumatori | infosannionews.it venerdì 28 Gennaio 2022
Smooth Slider

Agostinelli a De Longis: Una pessima caduta di stile oppure palese ignoranza.

“Una pessima caduta di stile, quella del consigliere De Longis, ...

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Sabato 29 gennaio dalle ore 10:30 in piazza Castello a ...

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell’ex Scuola Media

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell'ex Scuola Media

“Il Comune di Puglianello, attraverso un finanziamento proveniente dallo Stato ...

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

Il comune di San Leucio del Sannio è risultato beneficiario ...

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Al San Pio di Benevento nelle ultime 24 ore ci ...

Firmato protocollo tra Unisannio e Dipartimento F.P. per ri-formare la P.A.

Al via percorsi di laurea specifici per i dipendenti pubblici ...

Stampa articolo Stampa articolo

POSTE: Adiconsum: il “cambiamento” di Poste Italiane solo a danno dei consumatori

21/10/2015
By

Pietro Giordano, Presidente Adiconsum:Aumenti tariffari, uffici chiusi, consegne a giorni alterni.

data center poste italianeÈ questo il “cambiamento” di cui parla Poste Italiane? A danno solo dei cittadini, visto che le tariffe della posta commerciale rimangono uguali!

A distanza di 153 anni dalla sua nascita, Poste Italiane sembra ricordarsi della propria storia e del proprio ruolo sociale solo in termini di marketing o, come va di moda dire ora, di storytelling – dichiara Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – La storia vera, purtroppo, è un’altra. Dallo scorso 1 ottobre, mentre la campagna andava on-air, Poste Italiane, dimenticando di informare nel modo più corretto i consumatori, ha aumentato le tariffe per la terza volta in meno di un anno (70 – 80 ed ora 95 centesimi, un rilancio al rialzo del 35,72% in soli 8 mesi) e introdotto nuovi prodotti differenziati per fascia di prezzo e tempi di consegna (Posta1 e Posta4) che sostanzialmente allungano i tempi di consegna previsti per l’ex Posta prioritaria non tracciata.

Contemporaneamente – prosegue Giordano – il piano di accompagnamento della privatizzazione ha concesso al Gruppo guidato da Caio di sopprimere molti uffici postali, soprattutto in piccole realtà dove era un’istituzione fondamentale e imprescindibile e, a breve, in oltre 5 mila Comuni, la posta verrà consegnata a giorni alterni.

Se questi sono i presupposti del “cambiamento”, ci chiediamo preoccupati cosa succederà dopo la privatizzazione” – continua Giordano – Da Associazione a tutela dei consumatori ci chiediamo, sperando di ricevere risposte esaustive, come mai aumentano sempre e solo costantemente le tariffe per i cittadini, mentre per la posta commerciale mantiene tariffe fisse. È sempre solo il cittadino a dover subire il “cambiamento”? Non era possibile stanziare una cifra da quei 10 milioni di euro spesi nella Campagna di comunicazione per tutelare gli utenti nel modo corretto circa l’evoluzione dei prodotti e degli aumenti?”

Stampa articolo Stampa articolo

Tags: