domenica 26 Settembre 2021 Uil,ancora non è stato convocato un tavolo sulla programmazione del comparto Termoelettrico | infosannionews.it domenica 26 Settembre 2021

Smooth Slider
Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

"Il Benevento Calcio è lieto di annunciare, in riscontro al ...

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

Non cambia la situazione Covid al San Pio di Benevento ...

Messaggio elettorale sul telefonino, Mastella: confronto sui temi seri e che interessano la città

Messaggio elettorale sul telefonino, Mastella: confronto sui temi seri e che interessano la città

"Leggo l’ennesima polemica del candidato Perifano (e dei suoi supporter) ...

Lonardo : ” Prevedere rimborsi ed esenzioni tributarie anche per i librai”

Lonardo : Prevedere rimborsi ed esenzioni tributarie anche per i librai

“Ho sottoscritto una interrogazione parlamentare, presentata in Senato dal collega ...

Silvia Bosco (Benevento Bellissima): Questo sarà il mio contributo alla città

In occasione delle prossime Elezioni del Sindaco della Città di ...

Uil,ancora non è stato convocato un tavolo sulla programmazione del comparto Termoelettrico

23/06/2015
By

Il governo Renzi è così veloce che ha fatto trascorrere sei mesi senza convocare ancora il tavolo sulla programmazione del comparto Termoelettrico: la crisi si va aggravando e non c’è uno straccio di piano per il settore.

 

Fioravante Bosco  Uil Fpl

Fioravante Bosco Uil Fpl

Parlano di ripresa, ma dov’è? La Uil non la vede ancora. Bisogna investire: noi siamo disponibili a discutere, ma ho l’impressione che si perda tempo. La manifestazione dimostrativa di oggi è l’ultimo appello, perché con un Governo che non risponde bisognerà alzare la voce. Non devono dare risposte ai Sindacati, ma al Paese. Non vogliono parlare con il Sindacato? Non è un problema, ma diano le risposte giuste. La verità è che non parlano neanche con il Paese. Stanno facendo una serie di leggi liberiste che non risolvono i problemi dell’occupazione e dell’economia. Se la prendono con i più deboli e cioè con i lavoratori e i pensionati: non so fino a quando durerà la loro pazienza. Per quanto riguarda, poi, il provvedimento sui controlli, siamo di fronte a una violazione dello Statuto dei lavoratori: se si considera anche il demansionamento per legge, si può davvero sostenere che stiano facendo tutto ciò nell’interesse del Paese?
“Una produzione legislativa così sfavorevole ai lavoratori e ai pensionati – osserva Fioravante Bosco, segretario generale aggiunto della Uil Avellino/Benevento – non si era mai vista. La cosiddetta buona scuola? Noi vorremmo una scuola senza aggettivi, normale, pubblica, libera e democratica. Servono atti concreti e non certamente delle riforme scritte male”.

[print_lnk]

Tags: