domenica 26 Settembre 2021 Guardia Sanframondi, ridimensionamento scolastico:l’IC Abele De Blasio non dovrebbe perdere l’autonomia | infosannionews.it domenica 26 Settembre 2021

Smooth Slider
Mastella: “Il Maestro Mimmo Paladino girerà film al Parco Verde di Benevento “

Mastella: Il Maestro Mimmo Paladino girerà film al Parco Verde di Benevento

L’artista sannita Mimmo Paladino girerà un film al Parco Verde ...

Pietrelcina. A sorpresa arriva il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia

Boom di turisti nel paese natale di Padre Pio.  L’esponente ...

Pietrelcina. Complesso sportivo: intitolato al sindaco emerito Lino Mastronardi

Tanta emozione e grande folla per l’importante cerimonia.  Masone: “per ...

Mortaruolo : Sostegno all'idea di Perifano di istituire un ITS dell'Agroalimentare in provincia di Benevento

“L'idea lanciata dal candidato sindaco di Alternativa per Benevento, Luigi ...

Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

"Il Benevento Calcio è lieto di annunciare, in riscontro al ...

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

Non cambia la situazione Covid al San Pio di Benevento ...

Guardia Sanframondi, ridimensionamento scolastico:l’IC Abele De Blasio non dovrebbe perdere l’autonomia

19/06/2015
By

Sulla questione, Floriano Panza, ha avuto un incontro a Napoli, presso l’Ufficio Scolastico Regionale, con il Direttore Responsabile, Luisa Franzese.

 

Sindaco Floriano Panza

Sindaco Floriano Panza

In questi giorni , nel nostro comune sannita di Guardia Sanframondi, grande attenzione è rivolta alla questione relativa al ridimensionamento scolastico dell’Istituto Comprensivo Abele De Blasio e, quindi, della possibile perdita dell’autonomia dello stesso. Insieme al primo cittadino guardiese, Floriano Panza, abbiamo avuto un incontro a Napoli, presso l’Ufficio Scolastico Regionale, con il Direttore Responsabile, Luisa Franzese, la quale si è mostrata molto interessata e particolarmente sensibile alla questione . Le abbiamo esposto le ragioni per cui l’IC Abele De Blasio non dovrebbe perdere l’autonomia:
1) Le linee guida regionali prevedono che ai fini del Dimensionamento Scolastico, ogni anno, venga preso di riferimento l’organico di fatto per l’anno scolastico in corso, mentre i dati rispetto ai quali considerate sottodimensionato l’istituto in oggetto, derivano dalle preiscrizioni caricate sul SIDI relative all’a.s. 2015/2016.
E’ da considerare, inoltre, che i dati presenti nel SIDI sono, allo stato, inesatti ed in evoluzione, in quanto da febbraio 2015 ad oggi, si è avuto un incremento di bambini iscritti alla Scuola dell’Infanzia. Si giustifica questa differenza poiché i genitori dei bambini della Scuola dell’Infanzia, come da prassi, tendono ad iscrivere i propri figli con l’approssimarsi del nuovo anno scolastico. La presenza di bambini nei comuni in cui la scuola opera è supportata anche dall’incremento del tasso di natalità del comune di Guardia Sanframondi e dal tasso di natalità dei comuni di San Lupo e San Lorenzo Maggiore (comuni in cui ha sede l’Istituto Comprensivo “Abele De Blasio”)

GUARDIA S. S. LORENZO M. S. LUPO
ANNO 2012 30 21 4
ANNO 2013 38 20 3
ANNO 2014/15 37 26 10
La Provincia di Benevento nell’atto deliberativo relativo all’organizzazione della rete scolastica e programmazione per l’Offerta Formativa dell’anno 2015-2016, trasmesso e acquisito dalla Regione Campania, indica, correttamente, l’IC “A De Blasio” come istituto normodimensionato con 601 iscritti. Difatti, la Delibera Regionale di Dimensionamento considera tale istituto normodimensionato e pertanto non soggetto a dimensionamento.

2) Il numero di alunni dell’IC “A. De Blasio di Guardia Sanframondi, storicamente sempre superiore a 600, e quindi mai oggetto di Dimensionamento, non ha mai consigliato di sottolineare la possibilità di fruire di eventuali deroghe al dimensionamento (min. 400 studenti).Ad ogni modo, Guardia Sanframondi e San Lupo sono Comuni Montani perché appartenenti da tempi immemorabili alla Comunità Montana del Titerno Alto Tammaro. Sono ugualmente da ritenersi montani perché così identificati dal Decreto Legge n° 4 del 24 gennaio 2015, Gazzetta Ufficiale n° 19 del 24 gennaio 2015, che identifica i Comuni di Guardia Sanframondi e quello di San Lupo come Comuni parzialmente montani, allorquando le leggi precedenti ai fini fiscali escludevano Guardia Sanframondi da tale qualifica.
3) In ultimo, i comuni di Guardia Sanframondi, San Lupo e San Lorenzo Maggiore, sono stati individuati dalla Regione Campania, con propria deliberazione n°60, dal 1° dicembre 2014, comuni appartenenti a una delle quattro aree interne(Titerno-Tammaro) identificate come aree sperimentali, ai fine della programmazione comunitaria. Tale identificazione rinveniente dalla Legge 147/2013 consente a quest’area di fluire dei benefici di cui alla strategia nazionale per le aree interne, strategia che prevede per le suddette aree la deroga agli standard ed ai parametri compresi quelli del dimensionamento scolastico non adatti a un’area pilota identificata da norme nazionali e regionali di cui prima, come area depressa sulla quale è in corso una sperimentazione per risollevare questo territorio dalla depressione economica e sociale.

Appare inspiegabile, in conclusione, che l’unico comune con popolazione superiore ai 5mila abitanti, uno dei pochi della provincia di Benevento, inserito in un contesto di comuni a vario titolo MONTANI( tutti con popolazione scolastica ampiamente inferiore ai 600alunni) possa essere obiettivamente considerato sottodimensionato, allorquando il medesimo comune non ha mai chiesto sinora deroghe per montanità, stante il numero degli alunni.
La dott.ssa Franzese, porrà un quesito al Ministero della Pubblica Istruzione e si augura un esito positivo della richiesta.
Come Assessore alla Pubblica Istruzione del comune di Guardia Sanframondi, insieme a tutta la neoeletta Amministrazione Comunale, mi impegnerò notevolmente affinchè si mantenga l’autonomia scolastica. Cercherò di avviare un percorso improntato sul continuo confronto e dialogo con i docenti, le famiglie e gli alunni, affinchè ci sia partecipazione e collaborazione da parte di tutti. Le scuole sono il fiore all’occhiello del nostro programma e devono continuare ad essere il cuore pulsante della conoscenza, il luogo dove i nostri ragazzi gettano le basi per il loro futuro, per divenire in primis uomini e donne. È quindi necessario che chi contribuisce all’istruzione degli alunni, docenti e non solo, lavori in un luogo dove ci sia armonia e le decisioni vengono prese collettivamente.

Tags: