venerdì 28 Gennaio 2022 Contributi Scolastici: cosa sono e come comportarsi. | infosannionews.it venerdì 28 Gennaio 2022
Smooth Slider

Agostinelli a De Longis: Una pessima caduta di stile oppure palese ignoranza.

“Una pessima caduta di stile, quella del consigliere De Longis, ...

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Sabato 29 gennaio dalle ore 10:30 in piazza Castello a ...

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell’ex Scuola Media

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell'ex Scuola Media

“Il Comune di Puglianello, attraverso un finanziamento proveniente dallo Stato ...

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

Il comune di San Leucio del Sannio è risultato beneficiario ...

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Al San Pio di Benevento nelle ultime 24 ore ci ...

Firmato protocollo tra Unisannio e Dipartimento F.P. per ri-formare la P.A.

Al via percorsi di laurea specifici per i dipendenti pubblici ...

Stampa articolo Stampa articolo

Contributi Scolastici: cosa sono e come comportarsi.

13/01/2015
By

Sono volontari e detraibili, ma il loro utilizzo deve essere motivato in maniera corretta dalla scuola.

È ormai diventata una consuetudine la richiesta di pagamento da parte delle scuole, contestualmente alla modulistica per l’iscrizione, del c.d. “contributo scolastico”. Contributo che ormai ha raggiunto cifre consistenti: le famiglie infatti si vedono recapitare richieste dai 150 ai 300 euro a figlio a seconda della scuola!

A fronte di numerose scuole in cui l’informativa sul contributo scolastico viene fornita in maniera corretta, purtroppo, ce ne sono altre, invece, che hanno adottato degli “stratagemmi” per indurre le famiglie al pagamento forzato del contributo. Tra questi:

l’invio di bollettini anche ad alunni esonerati dal pagamento delle tasse scolastiche erariali
bollettini unici già compilati con cifre che comprendono sia le tasse dovute per legge sia i contributi scolastici che la legge prevede come volontari.
informazioni ingannevoli sull’obbligatorietà dei contributi
diniego di iscrizione degli alunni le cui famiglie si rifiutano di pagare il contributo.

Che cos’è esattamente il contributo scolastico?

Il contributo scolastico è un’erogazione liberale e quindi volontaria. È bene, quindi, sottolineare che il suo mancato versamento non pregiudica l’iscrizione del proprio figlio a scuola.

Adiconsum non è contraria ai contributi quando il loro obiettivo è quello di migliorare il servizio scolastico, ma ritiene che tale richiesta debba essere posta in maniera corretta. È tempo che il ministro dell’istruzione ponga dei paletti alle richieste delle scuole.

Importante

· I contributi liberali possono essere scaricati dalla Dichiarazione dei redditi nella misura del 19%. A tal fine è necessario apporre sulla causale del bollettino la dicitura “erogazione liberale” per innovazione tecnologica oppure ampliamento dell’offerta formativa o edilizia scolastica”;

· le famiglie possono richiedere, all’atto dell’iscrizione a scuola, l’indicazione dettagliata delle spese che dovranno sostenere per la realizzazione delle attività inserite nel POF, a quale cifra ammonta il “contributo volontario” e quali spese copre.

Eventuali richieste troppo esose di contributi scolastici da parte delle scuole possono essere segnalati sulla pagina facebook Adiconsum Scuola.

Stampa articolo Stampa articolo

Tags: