venerdì 27 Maggio 2022 Housing Sociale. Chiusolo(PSI): Maggioranza nel caos a Palazzo Mosti. | infosannionews.it venerdì 27 Maggio 2022
Smooth Slider

Ultima tappa del progetto Plastic Free di Gesesa presso l'I.C. G. Moscati di Benevento

Anche l’I.C.G. Moscati di Benevento diventa Plastic Free.Il Tour Plastic ...

A Palazzo Paolo V seminario di studio sulle ricerche epigrafiche a Benevento

A Palazzo Paolo V seminario di studio sulle ricerche epigrafiche a Benevento

Lunedì 30 maggio nella sala convegni di Palazzo Paolo V ...

Laboratori aperti alle imprese. Il Progetto Open Lab per favorire l'inserimento lavorativo

Sono 32 le aziende presenti alla prima edizione del progetto ...

Domenica 29 Maggio secondo appuntamento con Il Paese dei Sogni

Andrà in scena domenica 29 maggio alle ore 18,00, presso ...

Stampa articolo Stampa articolo

Housing Sociale. Chiusolo(PSI): Maggioranza nel caos a Palazzo Mosti.

26/02/2014
By

Sulla questione dell’Housing Sociale di Santa Clementina discusso ieri in Consiglio Comunale, interviene Giovanni Chiusolo, segretario cittadino del Partito Socialista Italiano

“Non doveva essere sicuramente il Consiglio Comunale di ieri sera quello che avrebbe dovuto ridare alla città una parvenza di ricoesione nelle fila della maggioranza ma sicuramente lo spettacolo a cui si è assistito non è stato né edificante nè dimostrativo di una ritrovata unità e serenità della compagine del sindaco Fausto Pepe. Troppe le contrapposizioni tra i consiglieri, troppe le diversità di veduta di una maggioranza che non si preoccupa più neanche di salvare l’ apparenza. Oramai il primo cittadino non riesce più a mantenere “coeso e granitico” il gruppo del partito di maggioranza dove troppe “prime donne” cercano un “posto al sole” per il futuro.
E’ questa, che piaccia o no, la lettura del dato politico che emerge oramai già da un po’ di tempo e che sta caratterizzando una amministrazione che annaspa nel tentativo di mantenersi a galla.
La marcia indietro fatta sull’housing sociale di Santa Clementina la dice lunga su decisioni prese in maniera avventata e con la superbia di chi ha una stima esagerata di sé, e assume per questo atteggiamenti di superiorità e di sprezzo nei confronti degli altri, le cui opinioni e consigli non vengono presi in considerazione. E appare puerile il tentativo di mistificare la realtà dicendo che oggi si cambia idea perché l’impresa Giustino S.P.A. non ha soddisfatto le 4 condizioni imposte dal Consiglio Comunale dimenticandosi che c’era, c’è e sempre ci sarà un parere negativo della Soprintendenza verso l’edificazione in quella zona. Ed è fin troppo facile per noi dire oggi “ l’avevamo detto”. E lo abbiamo fatto, e bene ricordarlo, quando ancora non si “svegliavano” tutte le associazioni e comitati che oggi si interessano alla questione”.

Stampa articolo Stampa articolo

Tags: ,