lunedì 27 Giugno 2022 Presso la Fondazione Gerardino Romano mercoledì si presenta il libro: “L’estate di P. ed altri racconti aurunci” | infosannionews.it lunedì 27 Giugno 2022
Smooth Slider

Campionati Regionali di Prove multiple per la Libertas Benevento

Il Sannio ha sempre prodotto multiatleti importanti e la Libertas ...

Ponte – Torrecuso. Al via le iscrizioni per la settima edizione delle Olimpiadi dei Forum Giovanili

Ponte – Torrecuso. Al via le iscrizioni per la settima edizione delle Olimpiadi dei Forum Giovanili

Al via le iscrizioni per partecipare alle Olimpiadi dei Forum ...

“Borghi della Lettura” inaugurato ufficialmente l’ingresso del Comune di Cerreto Sannita

“Borghi della Lettura”, inaugurato l’ingresso del Comune di Cerreto Sannita. ...

San Pio, covid. Dopo l’impennata, ora situazione stabile

San Pio, covid. Dopo l'impennata, ora situazione stabile

Situazione stabile in questo fine settimana che non registra bessun ...

Pietrelcina. “Una Voce per Padre Pio”: share del 16,8% con 2.024.000 di telespettatori

La nota trasmissione televisiva di Raiuno vince la sfida con ...

Stampa articolo Stampa articolo

Presso la Fondazione Gerardino Romano mercoledì si presenta il libro: “L’estate di P. ed altri racconti aurunci”

03/02/2014
By

Mercoledì 5 febbraio, alle ore 18.30, la Fondazione Gerardino Romano, presso la sede sociale di Piazzetta G. Romano 15, Telese Terme (BN), ospita il dott. Gian Paolo Porreca. All’incontro, coordinato dal prof. Felice Casucci, si presenta il libro: “L’estate di P. ed altri racconti aurunci”, Edizioni Ikone, 2013, dove l’Autore ripercorre le atmosfere grondanti bellezza ed emozioni della campagna casertana, nell’habitat aurunco, tra mare e collina.

Si tratta di un’indimenticabile lezione di letteratura, raccontata dalla propria memoria, prima che vada perduta: un’infanzia o un’adolescenza, destinate a finire, come l’estate del piccolo P. Un libro di frammenti, apparentemente, un s-oggetto di culto (il naufragio di un’identità solitaria nella dimensione comune ad un popolo, ad una stagione migliore della vita), una preghiera, un bisbiglio d’amore. Chi ha il privilegio di leggerlo, sa d’averlo fatto insieme a molti altri, anche dopo la volata e il traguardo (la metafora del ciclismo assume contorni arrembanti e struggenti: “L’altra mano non so dov’è: dove riposa l’altra mano di un corridore stanco, quella che rifiuta il sudato oltraggio del manubrio?”). Un libro da leggere ad alta voce, per onorare il silenzio che vi si contiene, per smettere, una volta e per sempre, di fare domande.

Tutti i video relativi agli incontri settimanali sono visibili sul sito della Fondazione (www.fondazioneromano.it) nella Sezione “Mercoledì culturali”.

Gian Paolo Porreca è chirurgo cardiovascolare della Seconda Università di Napoli. Autore, tra l’ altro: dei romanzi “A Gerben, con simpatia”, Schettini Editore, 1975, “Ti raccomando Raas”, Limina Edizioni, 1996 e di “Pantani ed io”, Limina Edizioni, 1999; della raccolta di racconti “Una stagione fiamminga”, Age Editore, 1992. Più volte premiato per la sua attività letteraria in concorsi nazionali, Porreca svolge anche una intensa attività di giornalista pubblicista, collaborando abitualmente, sin dal 1993, a “Il Mattino”.

Stampa articolo Stampa articolo

Tags: