sabato 28 Gennaio 2023 Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza: nell’ambito del corso “Istituzioni e storia del diritto romano” lezione sul tema“Le leges libitinariae flegree” | infosannionews.it sabato 28 Gennaio 2023
  • Pd: Cacciano e Del Basso De Caro, il giorno della riscossa
Smooth Slider

Si cerca il tema del Design per la BeneBiennale

Il design è soprattutto l’intelligenza che si diverte e studia ...

Accademia superata in casa dal Volleyro

Brutto stop per l'Accademia Volley che ieri sera è stata ...

EdilBen Sant'Agnese: il punto su under 15 e under 17

Nuovo anno, nuove sfide per l’EDILBEN Basket Sant’Agnese che si ...

Il Comitato Sannita Abc manifesta davanti la Regione Campania e chiede un incontro a De Luca

Ieri pomeriggio, 27 Gennaio 2023,  il Comitato sannita Abc, con ...

Tradizione Ceramista, firmato il patto di amicizia tra Cerreto Sannita e Rutigliano

A Rutigliano, in provincia di Bari, è stato stipulato il ...

L’Anpi di Benevento per la memoria dell’Olocausto e per la lotta alle discriminazioni

La sezione di Benevento dell’Anpi ha celebrato il Giorno della ...

Stampa articolo Stampa articolo

Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza: nell’ambito del corso “Istituzioni e storia del diritto romano” lezione sul tema“Le leges libitinariae flegree”

22/11/2013
By

Martedì 26 novembre 2013 alle ore 14.00 presso la sede universitaria di Via Calandra, Sergio Castagnetti dell’Università di Napoli Federico II, nell’ambito del Corso di “Istituzioni e Storia del diritto romano” (Corso si laurea magistrale in Giurisprudenza) della professoressa Aglaia McClintock terrà una lezione su “Le leges libitinariae flegree”.

Le leges libitinariae, dette così dal nome della dea Libitina che nel mondo romano classico sovrintendeva all’argomento morte, erano vigenti a Pozzuoli e Cuma nell’epoca di Augusto o di poco successiva e sono pervenute a noi sotto forma di epigrafi marmoree. Sono leggi appalto per la fornitura di servizi di pompe funebri ed esecuzione di condanne capitali (descritte nei minimi dettagli) e danno quindi uno ‘spaccato’ impressionante di alcuni aspetti della vita quotidiana spesso tralasciati nei loro particolari. I testi incrociano anche il tema della competenza penale dei magistrati delle città (Pozzuoli e Cuma appunto) in cui trovavano applicazione, e la problematica dello status dei soggetti in quanto determinante per l’applicazione delle pene previste.

Stampa articolo Stampa articolo

Tags: