martedì 5 Marzo 2024 Denunciati i due responsabili che disturbavano le dirette streaming dell partite del Benevento Calcio dello scorso campionato | infosannionews.it martedì 5 Marzo 2024
  • Il sindaco Mastella ha ricevuto una delegazione dell'Ordine delle professioni infermieristiche
Stampa articolo Stampa articolo

Denunciati i due responsabili che disturbavano le dirette streaming dell partite del Benevento Calcio dello scorso campionato

12/10/2013
By

I fatti risalgono all’ottobre del 2012.

I carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Benevento a seguito di una complessa e articolata indagine, hanno denunciato, in stato di libertà, all’Autorità Giudiziaria competente, due esperti informatici, ritenuti responsabili, dei reati previsti dagli artt. 110, 615 ter e 640 ter del Codice Penale.
Infatti, i titolari di una “web tv” della provincia avevano denunciato ai Carabinieri che ignoti si intromettevano e disturbavano il segnale per la visione della diretta streaming di alcune partite di prima divisione del campionato scorso del Benevento calcio, risalente all’ottobre del 2012, causando un danno economico alla stessa società televisiva che aveva il contratto in esclusiva per la trasmissione degli eventi calcistici in questione.
Le indagini e gli accertamenti tecnici, esperiti nel delicato settore dai Carabinieri del Reparto Operativo che, nella circostanza, si sono avvalsi della specifica competenza dei colleghi della Speciale Sezione Informatica del R.I.S. di Roma, hanno permesso, attraverso il reperimento dei protocolli internet (c.d. indirizzi I.P.) di risalire ai punti dai quali erano partiti i segnali di disturbo e di individuare i due soggetti responsabili, rispettivamente titolare e dipendente di una società concorrente che opera nello stesso settore delle trasmissioni via web.
Gli elementi probatori raccolti dai Carabinieri a carico dei due soggetti indagati, uno di Benevento e l’altro di Rotondi (AV), entrambi ingegneri ed esperti in telematica, hanno, pertanto consentito di denunciarli, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso la D.D.A. di Napoli, per i reati di frode informatica e accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico.

Stampa articolo Stampa articolo

Tags: