lunedì 18 Ottobre 2021 Di martino (Psi) : “ Vergogna. Ancora vietato l’accesso per i disabili al comune” | infosannionews.it lunedì 18 Ottobre 2021
Smooth Slider

Pago Veiano.Confermata la giunta degli anni passati. Pietro De Ieso nuovo vice-sindaco.

Mauro De Ieso: “ per la terza volta consecutiva “incoronato” ...

Mastella alla guida della città per altri 5 anni.

Mastella alla guida della città per altri 5 anni.

https://youtu.be/LexW-6jceLYMastella vince ancora il ballottaggio e rivendica la sua posizione ...

Sconfitta al ballottaggio, Perifano: abbiamo fatto lo sforzo massimo ma è prevalsa la voglia di continuità

"Faremo opposizione corretta e incentrata sulle questioni della Città. Il ...

Sicurezza sul lavoro, dalla Prefettura iniziative per il rafforzamento di verifiche dell’osservanza della normativa

Sicurezza sul lavoro, dalla Prefettura iniziative per il rafforzamento di verifiche dell'osservanza della normativa

Nella mattinata odierna il Prefetto dott. Carlo Torlontano, così come ...

Il 23 ottobre UniSannio ospita il Linux Day 2021

Linux Day 2021. A Benevento talk live e incontri per ...

Di martino (Psi) : “ Vergogna. Ancora vietato l’accesso per i disabili al comune”

13/09/2013
By

Questa mattina sono stato testimone di un increscioso episodio presso la struttura comunale al megaparcheggio, dichiara il coordinatore della segreteria cittadina del PSI.

Infatti una persona disabile si è trovata nella condizione di non poter accedere agli uffici comunali, causa il mancato funzionamento delle scale mobili. Il cittadino, costernato, affranto da tutto ciò, palesava un forte disagio trovandosi di fronte alla impossibilità di accedere alla struttura pubblica. E’ una questione che ha registrato già in passato forti proteste ma che a tutt’oggi restano ancora irrisolte. Bisogna intervenire celermente al fine di consentire un libero e facile accesso a tutti. Persone, che vivono già un disagio non devono essere penalizzate ancor di più quando hanno bisogno di accedere presso strutture pubbliche. Una amministrazione che non si pone un simile problema significa non avere a cuore le problematiche di chi già vive quotidianamente forti disagi. Ricordiamo, che è obbligo di legge, intervenire per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Infatti, Legge n. 41 del 28 febbraio 1986 (Legge Finanziaria 1986). Impone agli Enti Locali territoriali, allo Stato, agli Uffici periferici dello Stato, agli Enti Pubblici, di dotarsi di un piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche e di destinare a tal fine una quota annuale del bilancio d’esercizio per la manutenzione. In caso di inadempienze sono diverse le opportunità per i cittadini. Oltre alle iniziative di pressione diretta nei confronti della Pubblica Amministrazione, di denuncia mediatica, di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, ed alla possibilità di adire direttamente in sede giudiziale, vi sono semplici azioni da intraprendere a tutela dei propri diritti. Resteremo comunque attenti e vigili affinchè si risolva la problematica definitivamente”.

Print This Post Print This Post

Tags: