I Carabinieri recuperano un carico di rame oggetto di furto

La vettura che procedeva a velocità sostenuta è stata inseguita dai carabinieri i cui passeggeri hanno abbandonato la macchina e si sono dileguati nelle campagne circostanti.

Nottata rocambolesca quella appena trascorsa: nell’ambito degli intensificati servizi di prevenzione e contrasto dei reati predatori, infatti, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montesarchio hanno recuperato un’autovettura carica di rame, chiaramente oggetto di furto.

Anche in questa circostanza, saranno le indagini a cercare di chiarire la provenienza del materiale sequestrato e l’identità delle due persone a bordo della Lancia Lybra station-vagon di colore grigio chiaro, precipitosamente abbandonata in una stradina di campagna intersecante la Statale Appia.

La vettura, notata transitare a velocità sostenuta ed insolitamente abbassata sul posteriore, è stata immediatamente inseguita: trascorsi alcuni, concitati, minuti e non riuscendo a seminare la gazzella, conducente e passeggero hanno arrestato la corsa, facendo perdere le proprie tracce nelle campagne circostanti.

All’interno del veicolo tanto rame (in matasse e piastre), per un peso complessivo di 700kg: dopo i doverosi rilievi tecnici, come accennato, i Militari stanno indagando sulle connessioni dell’auto (con targa ed intestatario rumeno, ma non oggetto di furto) con le recenti incursioni in zona.

Sequestrata ed affidata in custodia giudiziaria la refurtiva.

Stampa articolo Stampa articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *