lunedì 18 Ottobre 2021 Complesso Universitario Sant’Agostino:Difetti congeniti, una “tre giorni” di formazione e aggiornamento | infosannionews.it lunedì 18 Ottobre 2021
Smooth Slider

Pago Veiano.Confermata la giunta degli anni passati. Pietro De Ieso nuovo vice-sindaco.

Mauro De Ieso: “ per la terza volta consecutiva “incoronato” ...

Mastella alla guida della città per altri 5 anni.

Mastella alla guida della città per altri 5 anni.

https://youtu.be/LexW-6jceLYMastella vince ancora il ballottaggio e rivendica la sua posizione ...

Sconfitta al ballottaggio, Perifano: abbiamo fatto lo sforzo massimo ma è prevalsa la voglia di continuità

"Faremo opposizione corretta e incentrata sulle questioni della Città. Il ...

Sicurezza sul lavoro, dalla Prefettura iniziative per il rafforzamento di verifiche dell’osservanza della normativa

Sicurezza sul lavoro, dalla Prefettura iniziative per il rafforzamento di verifiche dell'osservanza della normativa

Nella mattinata odierna il Prefetto dott. Carlo Torlontano, così come ...

Il 23 ottobre UniSannio ospita il Linux Day 2021

Linux Day 2021. A Benevento talk live e incontri per ...

Complesso Universitario Sant’Agostino:Difetti congeniti, una “tre giorni” di formazione e aggiornamento

22/05/2013
By

A partire da domani (giovedì 23 maggio) e fino a sabato 25, il complesso universitario di Sant’Agostino ospiterà il Corso residenziale di formazione e aggiornamento in Genetica medica. L’evento è organizzato dal Registro campano dei difetti congeniti, il cui braccio operativo è l’Unità di genetica medica dell’azienda ospedaliera “Rummo”.

I lavori si apriranno alle 14,30 con i saluti del direttore generale e di quello sanitario del “Rummo”, Nicola Boccalone e Gianpiero Berruti.
Il Corso, che sarà introdotto dai medici referenti Gioacchino Scarano e Renato Pizzuti, è rivolto a tutti gli operatori sanitari (pediatri, neonatologi, ginecologi, neuropsichiatri, biologi, ostetriche, etc) che possono essere coinvolti nel percorso assistenziale di pazienti con difetti congeniti, intesi come anomalie diagnosticabili nei primi mesi di vita e quindi, per ovvia estensione, sindromi genetiche mal formative, malattie metaboliche e malattie rare.
Solo in poche regioni italiane, e tra queste la Campania, – fanno sapere gli organizzatori – il “Registro”, unico strumento di sorveglianza epidemiologica, è pienamente operativo. Ragion per cui assume grande importanza il Corso che comincia giovedì 23 nell’ex chiesa di Sant’Agostino.
I progressi a ritmo incessante nella diagnosi di nuove malattie e la scoperta di nuovi geni, causa sia di nuove che di già note malattie genetiche, grazie alla disponibilità di sofisticate tecniche di indagine, nonché le conoscenze ottenute dalla storia naturale di moltissime di queste condizioni, con i notevoli progressi raggiunti anche in campo terapeutico, sia medico che chirurgico, hanno consentito di migliorare notevolmente la qualità della vita dei pazienti e, in molti casi, di assicurare la loro stessa sopravvivenza.
«Pertanto – spiegano i direttori del corso, Scarano e Pizzuti – nasce da queste considerazioni l’esigenza che gli operatori sanitari, coinvolti a qualsiasi titolo nel processo di assistenza, partecipino a momenti di formazione e aggiornamento, in stretta collaborazione con le associazioni dei pazienti, allo scopo finale di migliorare, per quanto possibile, le risposte che il Servizio sanitario nazionale ha l’obbligo di offrire». La segreteria scientifica del Corso è affidata a Generoso Andria, Elisa Grella, Matteo Della Monica e Fortunato Lonardo.

Print This Post Print This Post

Tags: