venerdì 28 Gennaio 2022 Giurisprudenza porta il Diritto al Giannone | infosannionews.it venerdì 28 Gennaio 2022
Smooth Slider
Covid.Al San Pio un deceduto e cinque dimessi.I pazienti ricocerati sono 64

Covid.Al San Pio un deceduto e cinque dimessi.I pazienti ricocerati sono 64

Al San Pio nelle ultime ore si registrano 5 dimessi ...

Inaugurato stamane l'anno accademico 2021/2022 dell'Università del Sannio

Presente alla cerimonia il Ministro del Sud e della ...

Revisione dei Conti,Rubano: “Capuano ha suggeritore somaro/stonato e non conosce normativa”

Revisione dei Conti,Rubano: Capuano ha suggeritore somaro/stonato e non conosce normativa

“Le Amministrazioni Comunali di cui ho fatto parte, ne’ l’attuale ...

Oggi a Castelpagano i funerali per la morte del sannita Lucio. Proclamato lutto cittadino

A Castelpagano, proclamato il lutto cittadino per la morte del ...

Stampa articolo Stampa articolo

Giurisprudenza porta il Diritto al Giannone

18/03/2013
By

Unisannio collabora con il Liceo Classico per indirizzare gli studenti alla comprensione dei grandi temi del diritto

Il Corso di Laurea in Giurisprudenza dell’Università degli Studi del Sannio ha avviato una collaborazione con il Liceo Classico P.Giannone per indirizzare gli studenti liceali alla comprensione dei grandi temi del diritto.

Punto di partenza è  leggere il recente lavoro “Le Dodici Tavole. Le prime leggi dell’antica Roma” (Roma, Nuove Edizioni Romane, 2011) di Luigi Capogrossi Colognesi, professore emerito di diritto romano nonché accademico dei Lincei. Gli studenti del primo liceo del Giannone leggeranno il testo insieme alla docente di Storia e Filosofia, prof. Carmela D’Aronzo. La prof. Aglaia McClintock dell’Università del Sannio terrà alcune lezioni propedeutiche presso l’istituto. Il primo incontro si è tenuto martedì 12 marzo.

Il percorso culminerà il 15 maggio in un seminario aperto al pubblico in cui gli studenti si potranno confrontare con l’autore e con una studiosa di fama internazionale, Eva Cantarella.

Le Dodici Tavole (451-450 a.C.) costituiscono, come è ben noto, la prima codificazione scritta di Roma. Furono redatte da una magistratura apposita, i decemviri (dieci uomini), che riordinarono e misero per iscritto quel diritto consuetudinario gelosamente custodito dai patrizi.

Benché non particolarmente innovative nel loro contenuto, le Dodici Tavole ebbero il merito di disciplinare le procedure necessarie ai privati per accedere alla giustizia, sancendo un indubbio vantaggio per la classe plebea, nonché l’eguaglianza dei due ordini dinanzi alla legge.

Considerate fons omnis publici privatique iuris, fonte di tutto il diritto pubblico e privato, le Dodici Tavole rappresentano sul piano mitico anche l’origine di quel diritto che arriva sino ai giorni nostri. La storia della loro redazione e degli uomini che le scrissero è piena di avventure. Attraverso il racconto storico-letterario di queste avventure si vuole riflettere sui grandi temi della certezza del diritto, della legalità, dell’uguaglianza davanti alla legge, della distinzione tra pubblico e privato.

Luigi Capogrossi Colognesi, professore di Storia del Diritto Romano dell’Università la Sapienza, accademico dei Lincei è considerato uno dei massimi esperti della sua materia. Fra i suoi numerosi lavori ricordiamo Max Weber e le economie del mondo antico (Laterza 2000) e Storia di Roma tra diritto e potere (Il Mulino, 2009). Con Le Dodici Tavole si misura per la prima volta con la letteratura per ragazzi.

Eva Cantarella, professore di Istituzioni di diritto romano e di Diritto Greco dell’Università Statale di Milano, è antichista di fama internazionale. Ha pubblicato numerosissimi saggi sul diritto e su aspetti sociali del mondo greco e romano. Il 2 luglio 2002 è stata nominata “Grande Ufficiale della Repubblica Italiana”, “motu proprio” dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Nel 2003 ha vinto il Premio Bagutta con il suo libro Itaca. Eroi, donne, potere tra vendetta e diritto.

Stampa articolo Stampa articolo

Tags: ,