domenica 26 Settembre 2021 Convenzione tra l’A. O. “Rummo” e l’Università di Salerno nell’ambito di un progetto di ricerca sui tumori | infosannionews.it domenica 26 Settembre 2021

Smooth Slider
Mastella: “Il Maestro Mimmo Paladino girerà film al Parco Verde di Benevento “

Mastella: Il Maestro Mimmo Paladino girerà film al Parco Verde di Benevento

L’artista sannita Mimmo Paladino girerà un film al Parco Verde ...

Pietrelcina. A sorpresa arriva il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia

Boom di turisti nel paese natale di Padre Pio.  L’esponente ...

Pietrelcina. Complesso sportivo: intitolato al sindaco emerito Lino Mastronardi

Tanta emozione e grande folla per l’importante cerimonia.  Masone: “per ...

Mortaruolo : Sostegno all'idea di Perifano di istituire un ITS dell'Agroalimentare in provincia di Benevento

“L'idea lanciata dal candidato sindaco di Alternativa per Benevento, Luigi ...

Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

"Il Benevento Calcio è lieto di annunciare, in riscontro al ...

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

Non cambia la situazione Covid al San Pio di Benevento ...

Convenzione tra l’A. O. “Rummo” e l’Università di Salerno nell’ambito di un progetto di ricerca sui tumori

14/03/2013
By

Il valore della cooperazione e del coordinamento tra diversi soggetti è alla base di un significativo progetto di crescita del territorio e delle sue professionalità, soprattutto quando tutto questo è teso a sviluppare intensi rapporti di ricerca utili allo studio di una di quelle malattie che ormai minano il nostro vivere quotidiano: i tumori.

È anche per questi motivi che l’Azienda Ospedaliera “Rummo” e il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche e Biomediche dell’Università degli Studi di Salerno (FarmaBiomed), hanno firmato una convenzione che ha per oggetto l’ampliamento delle sperimentazioni sui campioni umani ottenuti da soggetti portatori di neoplasie di particolare interesse scientifico. L’accordo, oggetto della convenzione, rappresenta un punto di contatto efficace e indispensabile tra la ricerca di laboratorio in vitro e la ricerca clinica applicata al campo delle diagnosi e terapia dei tumori a carico del sistema nervoso. Nell’ambito del protocollo si prevede, inoltre, lo sviluppo e l’impegno di modelli cellulari di patologie neoplastiche neuronali, quali linee cellulari stabilizzate, commercialmente disponibili, e colture primarie di cellule estratte dai tessuti tumorali, allo scopo di consentire la disponibilità di materiale biologico sufficiente alla valutazione ed allo sviluppo di nuove indagini diagnostiche e di innovativi trattamenti terapeutici. Le interazioni tra le due strutture avranno sostanzialmente lo scopo di ampliare il network scientifico.
La sottoscrizione di questa convenzione, avvenuta tra il Dipartimento di Neurochirurgia dell’Azienda Ospedaliera “G. Rummo”, diretto dal Prof. Giuseppe Catapano, e il Laboratorio di Biologia e Patologia Molecolare e Clinica dell’Università di Salerno, diretto dal Prof. Maurizio Bifulco, è venuta anche nell’ambito di un nuovo progetto dell’Associazione Italiana Per La Ricerca Sul Cancro, dal titolo “N6-isopenteniladenosina: nuova molecola dalle sinergiche proprietà antitumorali ed immunomodulatorie nel glioblastoma”, del quale è responsabile il prof. Bifulco.
Recenti ricerche condotte proprio dal gruppo dell’ateneo salernitano hanno messo in evidenza l’importanza di alcuni geni e vie metaboliche nello sviluppo e progressione tumorale e nel relativo controllo da parte del sistema immunitario nei gliomi; ciò potrebbe avere utili implicazioni prognostiche, nonchè aprire nuove prospettive di approcci terapeutici chemio-immunoterapici.
Per tali ricerche risulta fondamentale lo studio dei pazienti selezionati dall’Unità Operativa Complessa di Neurochirurgia del “Rummo”.
Tale collaborazione, rimarca la precisa volontà di connotare l’Azienda Ospedaliera oltre che per l’alta capacità assistenziale anche per lo sviluppo di protocolli avanzati di ricerca clinica. La stretta collaborazione tra Azienda Ospedaliera e i principali centri Universitari nazionali ed internazionali che si occupano di ricerca pura si inquadra in un’ottica fondamentale per la crescita culturale e scientifica del territorio sannita e campano più in generale.

Print This Post Print This Post

Tags: