giovedì 28 Ottobre 2021 Viespoli:Credo sia doveroso interrompere l’unanimismo compromissorio sulla razionalizzazione della rete scolastica provinciale | infosannionews.it giovedì 28 Ottobre 2021
Smooth Slider
Floriana Fioretti capogruppo Pd a Palazzo Mosti : “Ringrazio i colleghi consiglieri per la fiducia accordatami”

Floriana Fioretti capogruppo Pd a Palazzo Mosti : Ringrazio i colleghi consiglieri per la fiducia accordatami

Prima dichiarazione alla stampa del neo-capogruppo del Partito Democratico nel ...

Sisma e Superbonus. Sen. Lonardo : “Necessaria proroga a fine 2023”

Sisma e Superbonus. Sen. Lonardo : Necessaria proroga a fine 2023

“Molte imprese hanno avviato le progettazioni del superbonus e del ...

Nuova Giunta Mastella, Coppola: “Continuità ai progetti avviati e nuove sfide”

"Essere Assessore anche nella nuova Giunta Comunale, appena formata, rappresenta ...

Europrogettazione e Formazione di Qualità per l'inserimento nel mondo del lavoro

Al via, a partire da questo Sabato 30 Ottobre il ...

“Oltre ogni limite” piccola rassegna di libri di Culture e Letture dal 3 al 10 Novembre

“Oltre ogni limite” è una piccola rassegna di libri organizzata ...

Al “San Pio” un nuovo ricovero per Covid 19.Dai tamponi 23 nuovi positivi

Al San Pio un nuovo ricovero per Covid 19.Dai tamponi 23 nuovi positivi

Come si evince dal bollettino aggiornato dal "San Pio" di ...

Viespoli:Credo sia doveroso interrompere l’unanimismo compromissorio sulla razionalizzazione della rete scolastica provinciale

05/01/2013
By

«Credo sia doveroso interrompere, con una voce fuori dal coro, l’unanimismo compromissorio che sembra accompagnare il varo del Piano di razionalizzazione della rete scolastica provinciale” sostiene il senatore Pasquale Viespoli.

Viespoli Coesione Nazionale

Contrariamente al pensiero unico dominante,constinua Viespoli,  auspico che la Regione Campania intervenga per modificare, almeno in un alcuni punti, il Piano, che non sempre appare conforme alle linee-guida regionali, che non sempre appare razionale ed equilibrato e che, molto spesso, appare più attento all’organigramma che al programma.

E’ razionale assegnare l’indirizzo sportivo all’Alberti, che non è autosufficiente, per sottrarlo al Liceo “Rummo” che invece lo è?
Ed è programmatico o politico, nel senso deteriore, motivare la scelta a favore dell’Alberti perché “c’è una nota di sostegno dell’amministrazione comunale che assicura l’accesso agli impianti sportivi dell’ente” che, appunto, conferma la non autosufficienza?
Nel caso di specie basta la “nota di sostegno”.
Conclude Viespoli dicendo: “Nel caso di San Bartolomeo in Galdo non è bastata la proposta dell’Amministrazione Comunale che non ha invocato la “verticalizzazione” per determinare l’isolamento, ma per evitare la subalternità e l’ulteriore marginalizzazione. A San Bartolomeo si nega la deroga. Al Convitto Nazionale si reitera la deroga.
Per equilibrio o per ragioni didattiche? In un caso o nell’altro, poté più il programma o l’organigramma?»”.

Print This Post Print This Post

Tags: