Pepe alla conferenza di auguri di fine anno : ” Il Comune deve diventare punto di riferimento per i cittadini”.

Questo dovrà essere lo spirito che ci dovrà guidare, ha detto il primo cittadino di Benevento.

Il dato dell’informazione è importante per far conoscere come vanno le cose. Così ha esordito il Sindaco Fausto Pepe nella conferenza di auguri di fine anno nella sala giunta del comune di Benevento, essendo la Sala Consiliare ancora impegnata dai lavori del Consiglio Comunale ancora in corso. Sento spesso dire, continua Pepe, che a Benevento c’è un decremento nei servizi, nella spesa, nel lavoro ma non dobbiamo dimenticare che siamo in un periodo negativo che investe tutto l’occidente dove non si ricorda una crisi simile. E quindi anche la nostra Amministrazione gioca per difendersi.

Nel particolare poi ci sono notizie positive e notizie negative. Tra quelle positive c’è la scalata di 14 posizioni nella classifica della qualità della vita, classifiche che non servono ad eliminare gap ma ci danno solo contezza di alcune cose come quella di essere comunque primi in Campania. Nel campo turistico invece siamo ultimi, anche se io non credo a ciò, mentre per l’ambiente siamo primi nel centro-meridione d’Italia. Credo però che entrambe le cose vanno viste in altro senso. Siamo ultimi per turismo ma siamo entrati nell’Unesco, abbiamo aperto l’area dell’ipogeo, la cattedrale, che insieme a Santa Sofia, il Teatro Romano ed altro costituiscono beni archeologici e storici di grande interesse. Dall’altro canto, anche se siamo 1° nell’ambiente, c’è il dato negativo relativo allo sversamento nelle contrade di materiale di rifiuto con i relativi costi.

Ci sono poi altre criticità: siamo in grossa emergenza per la disoccupazione femminile (34%); per gli ammortizzatori sociali (1500 persone che a Gennaio non avranno gli ammortizzatori sociali neanche in deroga, stiamo però operando per cercare di rimetterli in circolo nel lavoro).

C’è una crisi nel commercio per un decremento della potenzialità di spesa.La grande distribuzione non regge in questa città non solo per la risposta al mondo del lavoro ma anche perchè gli  investitori o gli investimenti non sempre sono cristallini. In una società strutturalmente povera è facile che l’economia sommersa e malavitosa avanzi.

Non esiste un’unica ricetta per la crisi ma esiste un metodo.  Questo  porta a sottoscrivere un contratto per Benevento per il Lavoro che deve servire proprio per risolvere queste problematiche. E’ una ricetta che può servire se tutti gli enti lavorano in tal senso.

Nel 2012 ci sono stati numerosi atti amministrativi importanti come l’accesso al cosidetto “salvaenti”. Il comune di Benevento ha deciso in tal senso ma avremmo potuto non farlo se non avessimo avuto il bubbone dei debiti fuori bilancio scaturenti dalle attività espropriative degli anni 80 e 90 che hanno dato sviluppo ma non in maniera etica e da qui un debito considerevole che ci ha portato alla manovra che abbiamo messo in atto. Il “salvaenti” però salva l’ente ma lo imbriglia anche.

Il 2012 è stato anche l’anno dei servizi sociali dove si sono spesi circa 5 milioni per contrastare la povertà, per i libri e la mensa scolastica, per il reddito, per i fitti con una vera e propria task force senza la quale Benevento avrebbe avuto un periodo ancora più nero in fatto di crisi.

E’ anche l’anno dell’approvazione definitiva del PUC che è giunto a maturazione dopo 3 anni ed offi è pubblicato sulla G.U. e dal 6 Gennaio 2013 deiventerà efficace. Se il Puc rappresenta positività ed attrattività con la messa in moto dell’edilizia, bisogna però stare attenti al fenomeno dell’infiltrazione. Bisogna salvaguardare l’azione amministrativa dalle azioni scaturenti dall’infiltrazione.

C’è poi l’Housing Sociale. Ne parlai in campagna elettorale ed oggi c’è, anche se in termini minori rispetto a quanto mi aspettavo. Bisogna però stare attenti ai quartieri, agli spazi pubblici e così via. In questa città cìè sempre chi solleva critiche come se il salvaenti o l’Housing Sociale fossero state fatte solo per Benevento. Vorrei ricordarvi cosa è accaduto un’anno fa su Dalisi che è stato molto avversato. Sono piovute tante critiche però poi quest’anno, esposto in una altra città campana con fini promozionali,  manca a qualcuno. E allora? Bisogna credere nella nostra città e dobbiamo operare bene per la nostra città.

Con il consiglio comunale di oggi ne abbiamo tenuti 29 nel corso del 2012. Qualcuno ha detto che è un consiglio che non produce o che non si riunisce ma fare quasi 30 consigli su argomenti importanti vuol dire fare circa 2,5 consigli al mese che non è poco. Per qualcuno però non si tengono consigli comunali da mesi!

Qualcun altro parla di sprechi ed anchio sono alla ricerca di questi sprechi, ma il sociale di sicuro non è tagliabile con i suoi 5 milioni spesi come i 15 milioni per l’ambiente tra Asia e verde o i circa 5 milioni per il trasporto pubblico locale. Sui servizi, con una spesa ridotta e con il continuo taglio dello Stato e Regione, Benevento ha tenuto gli stessi servizi del 2011 senza tagliare nulla anzi incrementando qualcosa. Guardate stesso in Campania cosa hanno fatto le altre città.

C’è poi una politica dei Tributi che vuol dire equità perchè se si paga tutti non si paga di più. Abbiamo recuperato 350.000 mq. sconosciuti ai fini TARSU come si sono avviate le azioni per ICI e TOSAP ed altre entrate che finora non sono state trattate.

Per le opere pubbliche sono ancora in attuazione i lavori del Più Europa, anche con i ritardi dovuti al patto di stabilità, Parcheggio Santa Colomba, Colonia Elioterapica, Scuola Moscati, Spina Verde Rione Libertà, Riqualificazione delle piazze al rione Ferrovia, Riqualificazione Ponte Vanvitelli, Pista ciclabile S.M.degli Angeli, Ponte veicolare Torre della Catena, insomma 30 milioni per investimenti in opere pubbliche tra il 2012 ed il 2013.

Per quanto riguarda il turismo, questo non lo fa un’amministrazione che si deve occupare solo di accoglienza, rifiuti o riqualificazione di zone urbane. Stiamo elaborando un documento di Orientamento Strategico per la città e dovremmo passare poi ad una Conferenza Programmatica. Benevento, in tema di turismo, non ha mai prodotto documenti o itinerari. Dobbiamo formare gli operatori poichè sono loro che fanno turismo.

Non è un caso poi che siamo 1° per l’ambiente e non solo per la raccolta differenziata. Io sogno sempre di completare il sistema fognario della città con il depuratore cosa questa che è un grosso gap per Benevento.

Siamo anche la città che sta facendo politiche energetiche nuove, stiamo cercando di farlo in alcune scuole. A tal proposito il Ministero dell’Ambiente ha ammesso un finanziamento per l’acquisto di 30 biciclette elettriche. Al rione ferrovia nel 2013 faremo una pista ciclabile di circa 6 km ma stiamo anche seguendo un progetto per la scuola Silvio Pellico, pilota per efficientamento energetico oltre alla riforestazione urbana.

Ci sono problemi infrastrutturali sui quali abbiamo continuato a lavorare con il Puc che prevede una posizione logistica della nostra città. Si sta lavorando su turismo e logistica per combattere e dare un senso alle possibilità di Benevento.

E’ stato questo un anno dove c’è stato anche un problema di tenuta della maggioranza per il quale non so dare una risposta. Non si comprende l’assenza o il disinteresse per il Consiglio Comunale e spero che nel 2013 le cose cambino.

Sono soddisfatto per l’azione svolta dai vigili urbani con gli interventi fatti nel periodo della neve che non ha messo in ginocchio la città. Senza parlare delle altre attività espletate.

Per la mobilità si sono fatte grandi cose come la pedonalizzazione di Piazza Castello. Se vogliamo fare una città a misura di turismo dobbiamo prevedere aree pedonali nel centro storico e parcheggi.

Altro atto importante è stata l’approvazione del Regolamento Edilizio tenendo conto che prima vigeva ancora quello del lontano 1977.

Per il commercio, come detto prima, dobbiamo stare attenti perchè la grande distribuzione non deve finire nelle mani sbagliate e bisogna pensare anche di riorganizzare il commercio di vicinato.

Un ultima annotazione sulla macchina comunale che ringrazio perchè sempre di minor numero con le persone che vanno in pensione.Bisogna però fare di più sulla Trasparenza degli atti per evitare diffidenze.

Ringrazio il comandante Moschella per quello che è riuscito a fare e vorrei che gli altri settori lo emulassero; siamo riusciti anche a firmare il contratto decentrato integrativo che mancava da un pò!

Mi impegno e questa è una promessa a fare un Consiglio Comunale  per discutere dal punto i vista amministrativo delle indagini in corso sull’operato del Comune di Benevento lasciando la parte penale a chi di competenza.

Ringrazio tutti quelli che hanno collaborato a partire dagli Assessori che mi hanno sopportato, i consiglieri di maggioranza e di opposizione. In questo momento particolare dove in ogni città si cercano punti di riferimento, il Comune deve diventare punto di riferimento per i cittadini. Questo dovrà esseere lo spiritoche ci dovrà guidare. Io sono qu, non mi sono dimesso per fare il deputato, amo la mia città e voglio fare il Sindaco fino alla fine del mandato.

Penso di non dover rispondere, infine, a Viespoliche dice che io ho fallito anche perchè lui è impegnato in altre cose.Dico solo che abbiamo cercato di fare il meglio di quello che potevamo fare. Gli faccio gli auguri di Natale e per le elezioni anche se non ho capito ancora in quale lista.

Stampa articolo Stampa articolo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *