domenica 25 Febbraio 2024 Foibe, Fratelli d’Italia e Gioventù Nazionale al Ponte Leproso per giorno del Ricordo | infosannionews.it domenica 25 Febbraio 2024
  • Mastella: "Non inseguo bandiere purchessia: non chiedo piuttosto sono richiesto"
In evidenza
San Lorenzello. Tavolo Tecnico per la videosorveglianza

San Lorenzello. Tavolo Tecnico per la videosorveglianza

Per la videosorveglianza nel Comune di San Lorenzello il sindaco ...

Gli studenti dell'IIS Alberti a lezione in azienda

Nell’ambito delle attività di PCTO nasce la collaborazione tra l’I. ...

Allerta meteo per piogge, c’è l’avviso del sindaco Clemente Mastella

Allerta meteo per piogge, c’è l’avviso del sindaco Clemente Mastella

In ragione dell’allerta diramata dalla Protezione civile regionale, dalle ore ...

Pd : “Dove sosteranno i bus extraurbani a Benevento?”

Pd : Dove sosteranno i bus extraurbani a Benevento?

"Ad oggi una risposta che interesserebbe in tanti, per la ...

Il Benevento 5 getta il cuore oltre l'ostacolo: 3-1 all'Itria.

Mister Centonze: "Successo che vale doppio". Guerra: "Vittoria di platino".Vittoria ...

Puglianello, servizio civile, Mongillo: Parte l’iter per otto giovani.

Al via l’iter per il Servizio civile aperto ai giovani ...

Stampa articolo Stampa articolo

Foibe, Fratelli d’Italia e Gioventù Nazionale al Ponte Leproso per giorno del Ricordo

12/02/2024
By

“In una giornata particolare, nonostante il tempo impietoso, su iniziativa dei ragazzi di Gioventù Nazionale, ci siamo riuniti presso il ponte Leproso di Benevento per onorare, simbolicamente con il lancio di un mazzo di fiori nel fiume Calore, le migliaia di vittime delle foibe, barbaramente e vilmente uccisi dai partigiani comunisti titini e gli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia”.
È quanto dichiarato da Pietrantonio Mauriello, vicepresidente provinciale di Fratelli d’Italia Sannio, che aggiunge:

“Il ricordo per il dolore di chi fu vittima innocente di quegli orrori disumani, e dei loro familiari, così come delle migliaia di italiani deportati dalle proprie case, è sempre stato vivo in noi, e finalmente oggi, nel 2024, dopo le parole definitive pronunciate dal Presidente della Repubblica, abbiamo la speranza che questa tragedia sia diventata finalmente parte integrante a pieno titolo di quella memoria storica condivisa che è alla base del nostro essere italiani, che non può rimossa, sminuita o messa in discussione da nessuno”.

Tags: ,