mercoledì 17 Aprile 2024 MEMORIE IPOGEE di Emanuele Scuotto. Sabato 3 Giugno presentazione del catalogo al Museo Arcos | infosannionews.it mercoledì 17 Aprile 2024
In evidenza

Siamo Forchia, ecco Agostino Verlezza 

Continua la cavalcata di “Siamo Forchia”, gruppo facente capo al ...

San Giorgio del Sannio, Gerardo Campana aderisce a Forza Italia

Gerardo Campana è il volto dell'imprenditoria dinamica e dello spirito ...

Filosofia e danza “ il Linguaggio della danza è: espressione, sensazione, emozione”

Giovedi 18 Aprile 2024 alle ore 18,30 presso il Teatro ...

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia di sabato ...

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della “Sant’Angelo a Sasso”

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della Sant'Angelo a Sasso

Benevento - "Ci duole ritornare sempre sullo stesso punto, ma ...

Stampa articolo Stampa articolo

MEMORIE IPOGEE di Emanuele Scuotto. Sabato 3 Giugno presentazione del catalogo al Museo Arcos

29/05/2023
By

Finissage sabato 3 giugno 2023 ore 16.30 Arcos – Museo d’Arte Contemporanea Sannio Corso Garibaldi 1, Benevento in collaborazione con OFF Gallery.
Accolta con gran favore di pubblico fin dall’inaugurazione e prorogata di un paio di settimane, MEMORIE IPOGEE di Emanuele Scuotto, ideata per ARCOS – Museo d’Arte Contemporanea Sannio, museo della Provincia di Benevento, in collaborazione con OFF Gallery (Napoli), con il patrocinio del Comune di Benevento e dell’Università degli Studi del Sannio, si conclude domenica 4 giugno.

Sabato 3 giugno alle ore 16.30, in occasione del finissage, verrà presentato il catalogo della mostra, contenente una raccolta di testi multidisciplinari e le immagini delle opere e dell’allestimento site specific, alla presenza dell’artista, del Direttore museale Ferdinando Creta, della curatrice e del Presidente della Provincia, Nino Lombardi.

MEMORIE IPOGEE, a cura di Azzurra Immediato, si è posta quale sintetica retrospettiva o antologica dell’artista, che si è avvalsa, però, di opere inedite, realizzate in dialogo con il museo.

Emanuele Scuotto, la cui carriera ha già all’attivo diverse collaborazioni internazionali, in questa occasione ha aperto la strada e la prospettiva verso una sorta di mundus novus la cui esplorazione è la scoperta, dapprima inconscia poi sempre più nitida nella sua emersione, di una inusitata e sorprendente nuova età della creazione, maieutica di un tempo che coincide con una singolarità ritrovata e riconosciuta secondo i prodromi di una bellezza della solitudine creativa. MEMORIE IPOGEE, entrando in commistione con i peculiari spazi museali di ARCOS ed in contatto con la sua origine architettonica che ricorda quelle Catacombe partenopee cui Scuotto si è ispirato per alcune sue narrazioni, ha dato vita all’origine di una memoria inattesa che il numeroso pubblico che ha frequentato le sale del museo in questi mesi ha mostrato di aver particolarmente apprezzato.

Nelle parole del direttore artistico del museo, Ferdinando Creta: “la mostra Memorie Ipogee, realizzata appositamente per gli spazi di ARCOS da Emanuele Scuotto, ha rappresentato un ulteriore contributo che il Museo beneventano ha dato alla conoscenza di momenti, di personalità, di esperienze che vanno segnando la storia del nostro territorio e, in particolare di Napoli. Continua, così, l’impegno che dal 2012 caratterizza la politica museale di studio, valorizzazione e promozione dell’arte contemporanea portata avanti da ARCOS, che in questo decennio ha registrato la presenza di artisti e critici che hanno scritto pagine intense della storia dell’arte contemporanea.”

Proficua, indubbiamente, la collaborazione tra il museo beneventano e la galleria partenopea OFF Gallery, che ha collaborato alla realizzazione della mostra: “c’è qualcosa, in realtà, che accomuna la nostra galleria napoletana con il Museo ARCOS”, dice Beniamino Manferlotti di OFF Gallery, “ed è la loro natura abissale, il loro vorticoso scendere nelle profondità della terra, della pietra, della storia e della città, per trarne, tuttavia, energia ultracontemporanea e, dunque, sempre nuove sinergie da far affiorare in superficie, quella in cui il pensiero e la riflessione tessono trame vastissime. L’attenzione alle forme ed alle espressioni del nostro tempo ha posto le felici basi per una collaborazione progettuale che ha visto in MEMORIE IPOGEE un riuscito esperimento di matrice campana.”

Finissage sabato 3 giugno 2023, ore 16.00 – 19.00

Arcos – Museo d’Arte Contemporanea del Sannio Provincia di Benevento

Modalità di accesso: Gratuita

Direzione artistica Ferdinando Creta

Curatela

Azzurra Immediato

Responsabile della Comunicazione Alba La Marra

Realizzazione grafica | Fotografie Pablo Donadio

Supervisione tecnica | Allestimento | Realizzazione del catalogo Domenico Pietrodangelo

Patrocini

Comune di Benevento; Università degli Studi del Sannio;

In collaborazione con

OFF Gallery, di Beniamino Manferlotti, Napoli

Testi, apparato critico e approfondimento Azzurra Immediato

Alba La Marra Stefano De Matteis

***

BIOGRAFIA DELL’ARTISTA

www.emanuelescuotto.it

Marano di Napoli, 1978.Vive e lavora a Napoli. Diplomatosi al liceo artistico di Napoli, nel 1996 fonda la bottega d’arte La Scarabattola con i fratelli Salvatore e Raffaele: tuttora è uno degli autori del gruppo. Nel corso di più di venti anni di attività, le mostre più importanti da ricordare sono: Mostro…il diavolo del 2003, Pulcinella rifavola del 2004 e Il mondo sospeso del 2005, tutte allestite presso la Chiesa di San Severo al Pendino di Napoli. Del 2008 è Personaggi di terrore, demoniaci e magico-religiosi della tradizione natalizia meridionale, in collaborazione con Roberto De Simone, inaugurata presso la Reggia di Caserta. Al 2009 risalgono SCU8 Maninarte, a cura di Luca Beatrice, ospitata nei locali di Castel dell’Ovo e Tradizione in Azione, allestita presso il complesso di San Lorenzo Maggiore (Na). Lo stesso luogo viene scelto per la suggestiva installazione Mondi del 2010. Al 2013 risale l’organizzazione e la partecipazione a Paleocontemporanea, collettiva articolata in un percorso tra antichità ed espressioni artistiche contemporanee, sviluppato tra il Museo Archeologico di Napoli, il Museo e l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte e le Catacombe di San Gennaro.Nello stesso anno gli Scuotto danno vita alla galleria ESSEARTE, orientata ad una riflessione sull’opera d’arte, in particolare sull’oggetto artistico, e alla promozione dei più giovani; nel 2016 la galleria ospita La terra in una stanza – una wunderkammer per i fratelli SCU8, mostra nata per raccontare i venti anni di attività del gruppo.Nel 2018 Emanuele e Salvatore, con un’opera a quattro mani, sono tra gli artisti partecipanti a Ceramicsnow!mostra allestita presso il Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza in occasione del sessantesimo anniversario del prestigioso Premio Faenza.Con Terra mia (2019, NabiI nterior Design, Napoli), mostra che lo vede unico autore delle opere, Emanuele inaugura il suo percorso artistico personale che prosegue con Purgatorio, personale a cura di Azzurra Immediato (2021, Nabi Interior Design e OFF Gallery, Napoli) e con l’installazione Limen, progettata per la sezione Gli altari dell’Arte – a cura di Giuseppe Leone – nell’ambito della rassegna VinArte 2022 di Guardia Sanframondi (BN).

Tags: