venerdì 23 Febbraio 2024 Perifano : “Domani in Consiglio faremo la nostra parte ma non vedo margini di intesa” | infosannionews.it venerdì 23 Febbraio 2024
  • Faicchio: furto sventato dall'intervento dei passanti. I carabinieeri individuano gli autori grazie alla videosorveglianza
In evidenza

Meteo: per la prossima settimana Italia in una spirale di Piogge, Temporali e Neve sui rilievi.

Torna il maltempo sul nostro Paese con Weekend molto instabile. ...

Cellulari, il ministro Valditara: Inopportuno l'uso alle elementari e alle medie anche per studiare

Annunciate dal Ministro le nuove linee guida per l'istruzione.Niente cellulari ...

Convocato il Consiglio provinciale. Dodici i punti all’Ordine del giorno

Convocato il Consiglio provinciale. Dodici i punti all'Ordine del giorno

Il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi ha convocato ...

Accademia Volley, domani incontro casalingo per la sfida salvezza con Cutrofiano (LE)

Turno casalingo per l’Accademia Volley che domani pomeriggio al Palaparente ...

Martedì 5 marzo la Festa del Tennis Sannita

Al via martedì 5 marzo 2024  alle ore 18 presso ...

Via Port’Aurea sarà chiusa al traffico nei giorni 26 e 27 febbraio

Benevento – Lunedì 26 e martedì 27 febbraio via Port’Aurea ...

Stampa articolo Stampa articolo

Perifano : “Domani in Consiglio faremo la nostra parte ma non vedo margini di intesa”

30/01/2023
By

In merito al Consiglio Comunale in programma domani, Luigi Diego Perifano, portavoce di ‘Alternativa per Benevento’, dichiara : “Faremo la nostra parte in Consiglio, ma non vedo margini di intesa. È evidente che il problema non è la qualità dell’acqua, le reti colabrodo, le tariffe o l’efficienza del servizio di depurazione: il problema è la fretta di concludere un’operazione che realizzi il controllo politico del servizio idrico. Si va così, con la costituzione di una nuova società, la cui conduzione operativa è affidata ad un privato, a determinare il futuro utilizzo di un bene comune primario, l’acqua pubblica, in base a decisioni prese da non più di tre o quattro persone. È questo l’assurdo, ed è questo che suscita l’indignazione di una intera comunità che non merita di essere trattata così. Per comprimere ogni spazio di dibattito, e far valere il fatto compiuto, si è posta in essere una procedura che, sotto l’aspetto legale-è proprio il caso di dirlo- fa acqua da tutte le parti. Chi sta forzando la mano in questo modo si assume pesanti responsabilità”.

Tags: