Un brutto Benevento lascia altri due punti a Cosenza. Cosenza 1 Benevento 1

Il Benevento riprende da dove aveva lasciato il campionato. Squadra brutta e ingenua con Cannavaro che ritarda i cambi e sbaglia formazione. 

Cosenza (4-3-1-2): Micai; Rispoli, Meroni, Vaisanen, Martino; Florenzi, Voca, Brescianini; Kornvig; Nasti, Larrivey.  A disp.: Lai, Marson, Rigione, D’Urso, Brignola, Merola, Venturi, La Vardera, Zilli, Prestianni, Cortinovis. All.: Viali

Benevento (4-3-2-1): Paleari; El Kaouakibi, Glik, Veseli, Foulon; Koutsoupias, Schiattarella, Karic; Ciano, Improta; La Gumina. A disp.: Manfredini, Kubica, Farias, Thiam Pape, Agnello, Simy, Basit, Perlingieri, Pastina, Sanogo, Forte, Capellini. All.: Cannavaro 

Arbitro: Camplone di Pescara. 

Assistenti: Colarossi e Politi. IV uomo: Petrella. 

VAR e AVAR: Marini e Mastrodonato

Ad inizio partita minuto di raccoglimento in memoria di Gianluca Vialli prima di dare il via alle ostilità. Partita avara di emozioni nei primi 15 minuti con le squadre che giustificano così l’attuale posizione in classifica presentando i limiti di sempre. Prova a svegliarsi il Cosenza al 16° ma Paleari c’è sulla conclusione di Voca. Ancora i lupi silani al 18° con Kornvig che va via a Foulon che lo stende rimediando un cartellino giallo che lo costringerà a saltare il prossimo match. Si fa vedere anche il Benevento dalle parte di Micai al 20° con La Gumina lanciato da Improta ma il tiro della punta giallorossa appena dentro l’area sulla fascia destra non impensierisce il neo portiere rossoblu. Cartellino giallo anche per Nastri costretto a trattenere Schiattarella nel cerchio centrale del centrocampo al 24′ su una ripartenza del Benevento. Al 29° Ciano si destreggia sulla fascia destra e dal fondo rimette al centro ma Martino, dentro l’area ed in opposizione al fantasista giallorosso alza il braccio e tocca la palla. Rigore netto con lo stesso Ciano che va al tiro, centrale, toccato anche con i piedi da Micai lanciatosi alla sua destra ma palla in rete. Cosenza 0 Benevento 1. Al 36° è Koutsoupias dalla distanza che impensierisce Micai che devia in angolo. Dopo questi sussulti la partita ridiventa prevedibile e noiosa e si giunge al 45° e dopo i due minuti di recupero, alla fine del tempo con l’arbitro Camplone che manda le squadre negli spogliatoi.

Tornano in campo con i medesimi uomini entrambe le squadre per disputare i secondi 45° minuti. Al 53° un innocuo cross di Martino diventa un’occasione per il Cosenza con Paleari che si fa superare dal pallone e prova poi a mandarlo fuori spedendolo sulla traversa e poi in angolo. Al 10° due cambi nel Cosenza: entrano La Vardera e Merola ed escono Brescianini e Martino. Al 59° lancio di Glik in avanti per La Gumina che da dentro l’area sulla destra incrocia un rasoterra che esce di poco sul palo opposto. Erroraccio a centrocampo di Foulon al 67° che permette a Nasti di venire in avanti con un break pericoloso ma la difesa riesce a liberare. Sostituzioni nel Benevento al 69°: esce La Gumina ed entra Simy. Cambio anche nel Cosenza con Viali che manda in campo D’Urso e richiama Kornvig. Al 72° viene ammonito Meroni per un fallo su Ciano in copertura. Occasione per Schiattarella al 74° che entra in sforbiciata  in area su una respinta della difesa ma la palla è di poco alta sulla trasversale. Ancora cambi nel Cosenza al 77° : entrano Zilli e Cortinovis, fuori Rispoli e Larrivey. Giallo anche per Voca all’80° per fallo su Foulon mentre entrano Farias e Kubica per Ciano e Koutsoupias. All’89° pareggia il Cosenza: angolo per i padroni di casa e sul secondo palo Vaisanen sbuca alle spalle di tutti ed infila una spizzata di Merola. Cosenza 1 Benevento 1. Al 90° vengono concessi 4 minuti di recupero. Al 91° ammonito La Vardera che placca Improta. Al 92° entra Forte ed esce Karic. Al 93° Micai salva il risultato su una conclusione in area di Farias. Finisce così la partita con il Benevento che lascia per strada altri 2 punti importanti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *