mercoledì 17 Aprile 2024 Cannavaro: “Contro il Perugia match importante, bisogna dare continuità” | infosannionews.it mercoledì 17 Aprile 2024
In evidenza

Siamo Forchia, ecco Agostino Verlezza 

Continua la cavalcata di “Siamo Forchia”, gruppo facente capo al ...

San Giorgio del Sannio, Gerardo Campana aderisce a Forza Italia

Gerardo Campana è il volto dell'imprenditoria dinamica e dello spirito ...

Filosofia e danza “ il Linguaggio della danza è: espressione, sensazione, emozione”

Giovedi 18 Aprile 2024 alle ore 18,30 presso il Teatro ...

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia di sabato ...

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della “Sant’Angelo a Sasso”

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della Sant'Angelo a Sasso

Benevento - "Ci duole ritornare sempre sullo stesso punto, ma ...

Stampa articolo Stampa articolo

Cannavaro: “Contro il Perugia match importante, bisogna dare continuità”

24/12/2022
By

Fabio Cannavaro ha presentato in conferenza stampa l’incontro contro il Perugia di lunedì 26 Dicembre. Proprio il particolare giorno, Santo Stefano, è stato oggetto del primo commento del  mister: “Per me è la prima volta giocare in questo periodo, è molto strano. Uno è abituato a stare con la famiglia e comprare regali, ma questo è il nostro lavoro e la nostra passione quindi dobbiamo sempre cercare di fare il massimo. Il Perugia è una squadra in forma, anche se ultima in classifica, allenata da un allenatore d’esperienza per la categoria. Noi dobbiamo essere bravi a trasformare la rabbia e la tensione di questo periodo, in cui i sacrifici dei giocatori sono stati enormi. Al di là delle feste di Natale l’obiettivo è cercare di vincere contro una squadra in salute. I ragazzi sanno che ci sono le vacanze e le famiglie, ma lunedì per noi è una partita dove dobbiamo dare continuità. In questo campionato ci sono troppe squadre che fanno su e giù, poi rientri in un vortice da cui non esci più. Dobbiamo dar seguito alla crescita fisica, che c’è stata, e tecnico-tattica. Al di là di tutto dobbiamo dare il massimo in casa lunedì. Dobbiamo venir fuori da una situazione che non ci appartiene, e questo lo si può fare solamente con la concentrazione. Siamo fortunati, abbiamo la possibilità di stare a casa con la famiglie e questo deve essere un vantaggio. La vittoria ti permette di vivere e lavorare in modo sereno, il sorriso è importante e aiuta. Lunedì sarà una partita più che importante.”

Passando poi alla squadra il mister ha aggiunto : “Era tanto tempo che non vedo solo uno-due infortunati, oggi erano tutti in campo che correvano e lavoravano. Leverbe e La Gumina stanno bene, Forte che aveva avuto un problemino al tendine e Farias anche. Veseli, El Kaouakibi e Viviani iniziano a stare bene e allenarsi con continuità. Meglio averli in panchina che lasciarli a casa, domani vedremo. Viviani contro il Palermo sapevo fosse un rischio ma ne avevamo bisogno, poi aveva avuto un calo ma ora sta bene. E’ importante l’aspetto psicologico, la miglior medicina è giocare e per lui un po’ di più perché ha sofferto tanto. Lui è stato a lungo fuori perché non si capiva il suo problema, lo hanno accusato di essere un finto malato.  Ricordo una partita in cui ne avevo solo 11. Bisogna pensare a rimettere tutti in condizione, poi ci saranno le scelte da dover fare. I risultati dei fisioterapisti si stanno iniziando a vedere. Per Ciano l’obiettivo è inserirlo nei secondi tempi, ha avuto un infortunio importante ma è in ripresa anche lui. Fa parte della gestione di cui tanto parliamo, sono giocatori importanti che vengono da una situazione atletica non ottimale. Fino a ora Karic mi è piaciuto molto, soprattutto a Parma. E’ un giocatore che magari passa inosservato e si fa vedere poco, ma lo senti. Acampora dà sostanza a centrocampo, sicuramente più di Improta che invece è maggiormente improntato sulla fase offensivo. A Improta piace andare più in fascia, ad Acampora invece tra le linee. Ho giocatori intelligenti, questo per un allenatore è tanta roba. Per Kubica pensavo a qualche inserimento senza palla o a qualche cross, che però non sono arrivati. Ora come ora sulla trequarti può sbagliare qualcosa in più ma se lo può permettere, a centrocampo no. Con l’uomo in più la sensazione era quella di passare la palla al portiere invece di mettere la palla dentro.”

Uno sguardo anche al futuro : “Per adesso sono rimasto concentrato su quello che ho a disposizione. Tanti giocatori che ho si sono allenati magari due settimane di fila, l’obiettivo è avere tutti a disposizione. Ho la fortuna di avere una società e un Direttore che in passato hanno sempre dimostrato di effettuare le operazioni importanti quando necessarie. Mi piace recuperare i giocatori ma preferirei averli fisicamente a posto, il lavoro di questi mesi è stato importante ma non era la normalità. Quando si vanno ad acquistare i giocatori devono essere sani.  Forte l’ho fatto giocare, gli ho dato la massima fiducia come a tutti. Se dovessero arrivare squadre interessate basta che portano i soldi. Noi siamo contenti con lui, io sono contento con lui, vedremo se ci sarà l’interessamento di squadre o la volontà del giocatore.”

Tatticamente : “Non so se giocherò con uno o due trequartisti, dobbiamo sempre gestire i giocatori. A Modena mi aspettavo più continuità durante la partita, quando abbiamo provato quello che volevamo fare non abbiamo fatto male. Con questo sistema devi avere il controllo della partita e il predominio sull’avversario, se hanno la palla gli altri poi devi correre. In casa dobbiamo giocare più a centrocampo, per poi magari servire l’attaccante o gli inserimenti dei nostri trequartisti. Dobbiamo capire che nel calcio ci vuole personalità e coraggio, nelle ultime due partite abbiamo pensato più a controllare il vantaggio che a proporre un gioco offensivo. Nelle altre partite invece, quando eravamo sotto, siamo riusciti a proporre un buon calcio. Mi piace cambiare sistema di gioco, dimostra che hai giocatori intelligenti e non dai punti di riferimento agli avversari. A me piace osare e cercare di sviluppare determinate situazioni, per le assenze non lo abbiamo fatto. Prima giocavamo meglio ma non portavamo a casa punti, nelle ultime due partite abbiamo fatto dei passi indietro nel gioco ma abbiamo portato punti a casa. La ricetta perfetta non c’è nel calcio: l’obiettivo è vincere le partite e riuscire a proporre un gioco importante. Questo sistema di gioco, il 4-3-2-1, mi permetteva di avere solidità a centrocampo e possibili inserimenti da parte dei trequartisti, anche perché non avevo tre attaccanti su quattro. Non è il mio sistema preferito, ma è il campo a darci le risposte “.

Dopo il Perugia arriva la sosta e, dopo una breve vacanza, bisogna continuare a lavorare : “Sono sempre stato abituato a staccare la spina, ma certo in una settimana di vacanza il periodo è breve. Anche i ragazzi sanno che devono fare la vacanza per poi tornare ancora più carichi. Darò loro un programma di lavoro per mantenere la forma decente che abbiamo, l’obbligo minimo è fare tre allenamenti. Oggi si può e si deve controllare. Non ho ancora pensato a eventuali amichevoli, dobbiamo lavorare su altre cose.”

Importante è far ritornare il pubblico :”Io sto dando il mio contributo, portando tanti familiari. Giocando in uno stadio pieno fa piacere, l’ambiente fuori deve essere un ambiente di festa. I tifosi possono fare anche il tifo da casa, poi tutto dipende dai giocatori. In questo periodo ci abbiamo messo del nostro per allontanare i tifosi, la classifica non era delle migliori; starà a noi riportarli per festeggiare”.

Un pensiero anche per Ranieri, che ha sostituito Liverani sulla panchina del Cagliari : “Il Mister porta tanta esperienza, l’ho avuto a Napoli da ragazzo. E’ tornato in Italia dopo aver fatto cose straordinarie, gli facciamo un in bocca al lupo”.

Tags: