lunedì 23 Maggio 2022 Piano di riordino delle Province : Cimitile spera che” il Governo metta la parola fine a questo sciagurato progetto” | infosannionews.it lunedì 23 Maggio 2022
Smooth Slider
Consiglio Territoriale per l’Immigrazione. Interventi in favore della popolazione Ucraina

Consiglio Territoriale per l’Immigrazione. Interventi in favore della popolazione Ucraina

Il Prefetto di Benevento, dr. Carlo Torlontano, nella giornata del ...

Covid, San Pio. Un dimesso e quattro nuovi ricoveri

Covid, San Pio. Un dimesso e quattro nuovi ricoveri

Sono diventati 25 i pazienti Covid al San Pio di ...

Ritorna la Festa della Ciliegia di Campoli del Monte Taburno

Dal 10 al 12 giugno, il borgo di Campoli del ...

Anniversario nascita San Pio, gran concerto dell'orchestra sinfonica del Conservatorio

In occasione del 135° Anniversario della nascita di Padre Pio, ...

Forum delle aree interne : Un ponte per le aree interne

Circa trecento amministratori, tecnici, operatori sociali e imprenditori, provenienti da ...

Stampa articolo Stampa articolo

Piano di riordino delle Province : Cimitile spera che” il Governo metta la parola fine a questo sciagurato progetto”

22/10/2012
By

In merito alle notizie di stampa nazionale relative al piano di riordino delle Province, il presidente della Provincia di Benevento, Aniello Cimitile, ha dichiarato quanto segue:

Il Ministro Patroni Griffi è senza pudore. Dopo le sue dichiarazioni, apparse oggi sul “Corriere della Sera”, è evidente a tutti che il processo di consultazione delle Regioni e degli Enti locali, messo a punto dal Governo e voluto dal Parlamento, era ed è una autentica presa per i fondelli. Tutto ciò che le Regioni e le Conferenze Autonomie Locali hanno detto e prodotto è carta straccia e non serve a niente: altro che confronto! Da settimane il Ministro sbandiera il nuove assetto delle Province senza neppure attendere il termine entro il quale le Regioni dovranno pronunciarsi perché il piano è già deciso e già fatto. Patroni Griffi pensa adesso di sospendere anche la democrazia perché vorrebbe arrivare a sciogliere i Consigli provinciali eletti democraticamente, con un mandato ricevuto direttamente dal popolo, sostituendoli con dei commissari. E’ ridicolo poi che voglia consultare i territori ex post nel tentativo di risolvere l’enorme caos organizzativo e funzionale che produrrà con l’avvio di questo nuovo sistema. Speriamo che nel Parlamento italiano prevalga il buonsenso e si metta la parola fine a questo sciagurato progetto e a questo scempio. Quanto alla Regione Campania, ci aspettiamo che adesso articoli seriamente la sua opposizione alla continuazione di questo pseudo riordino provinciale. Non vorremmo che la decisione, condivisibile sul piano del principio, si possa trasformare in una politica di Ponzio Pilato consentendo così al Ministro di farci trovare le cose già fatte senza alcuna opposizione”.

Stampa articolo Stampa articolo