domenica 26 Settembre 2021 “I Love Airola”: Variazioni toponomastiche, multe e disagi per i mancati avvisi | infosannionews.it domenica 26 Settembre 2021

Smooth Slider

Mortaruolo : Sostegno all'idea di Perifano di istituire un ITS dell'Agroalimentare in provincia di Benevento

“L'idea lanciata dal candidato sindaco di Alternativa per Benevento, Luigi ...

Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

"Il Benevento Calcio è lieto di annunciare, in riscontro al ...

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

Non cambia la situazione Covid al San Pio di Benevento ...

Messaggio elettorale sul telefonino, Mastella: confronto sui temi seri e che interessano la città

Messaggio elettorale sul telefonino, Mastella: confronto sui temi seri e che interessano la città

"Leggo l’ennesima polemica del candidato Perifano (e dei suoi supporter) ...

Lonardo : ” Prevedere rimborsi ed esenzioni tributarie anche per i librai”

Lonardo : Prevedere rimborsi ed esenzioni tributarie anche per i librai

“Ho sottoscritto una interrogazione parlamentare, presentata in Senato dal collega ...

Silvia Bosco (Benevento Bellissima): Questo sarà il mio contributo alla città

In occasione delle prossime Elezioni del Sindaco della Città di ...

“I Love Airola”: Variazioni toponomastiche, multe e disagi per i mancati avvisi

17/10/2012
By

Il Consiglio Comunale di Airola con la delibera numero 38 del 13 dicembre 2004, resa nota alla cittadinanza con avviso pubblico del 1° febbraio 2006, stabiliva le variazioni toponomastiche per alcune arterie del territorio airolano.“Come accade purtroppo con diversi progetti,  – si legge nella nota inviata da Ruggiero  fondatore di I Love Airola – siamo rimasti a metà dell’opera”.

Le variazioni coinvolgevano alcuni dei luoghi più significativi del centro caudino: erano dedicate vie a figure politiche di calibro nazionale, come Aldo Moro (1a Traversa Giacomo Matteotti) e Antonio Gramsci (strada di collegamento tra 2a e 3a Traversa Lavatoio), a illustri letterati, come Dante Alighieri (1a Traversa Lavatoio) e Matilde Serao (Traversa Annunziata), ad icone religiose, come Madre Teresa di Calcutta (collegamento Caudisi – Tricealessio), e soprattutto ad airolani, celebri, come Riccardo Ricciardi (1a Traversa Via Sorlati) e Giacomo Napoleone Tofano (Traversa Casale di Sotto) e meno celebri.

” Il provvedimento – dichiara Antonio Ruggiero, fondatore e curatore della community Facebook “I Love Airola” – è servito solo ad accontentare  dei concittadini desiderosi di vedere intestata qualche strada ad un proprio congiunto, senza che ne sia decretata l’ufficialità. I cittadini interessati non hanno mai ricevuto la prevista comunicazione ed i relativi allegati riguardanti le variazioni”.

Ruggiero ha raccolto, anche grazie allo strumento del gruppo Facebook, alcune segnalazioni, in base alle quali agli uffici pubblici ed ai gestori di pubblici servizi non sono state inviate le dovute comunicazioni inerenti le modificazioni toponomastiche.

La verifica d’altronde è piuttosto banale: basta interrogare Google Maps ed altri stradari digitali per avere conferma che non risultano esistenti i nominativi delle nuove strade.

Nonostante i numerosi solleciti inoltrati ai competenti uffici comunali, la questione risulta a tutt’oggi irrisolta.

Due i casi più eclatanti. Un automobilista airolano, recandosi a Benevento, è stato fermato dalla Polizia Stradale per un controllo e multato, poiché sulla patente risultava il vecchio indirizzo mentre sulla carta di circolazione del veicolo compariva il nuovo, avendo effettuato il passaggio di proprietà attraverso autocertificazione della residenza. Il malcapitato ha fatto presente le proprie legittime giustificazioni. In risposta i poliziotti lo hanno invitato a recarsi al Comune, per farsi attestare che non si trattasse di trasferimento di abitazione ma solo di cambio della toponomastica da parte dell’Amministrazione. Quiandi lo stesso ha dovuto riportare l’attestazione a Benevento, entro 5 giorni dalla multa, onde evitare ulteriori aggravi di spesa.

Un secondo caso ha coinvolto una richiesta di allaccio dell’ADSL alla Telecom. Un cittadino airolano, residente in una delle vie il cui nome è stato modificato, ha comunicato il suo indirizzo  all’azienda, che, dopo tre giorni, ha risposto che la strada ove risiede risulta inesistente. All’aspirante utente di ADSL, recatosi a Palazzo Montevergine per chiarimenti, viene spiegato dall’ufficio competente che non erano state ancora effettuate le dovute comunicazioni agli Enti pubblici e ai gestori di pubblici servizi.

La pigrizia della macchina amministrativa finisce per danneggiare il cittadino– conclude Ruggiero – Chi paga le spese e il tempo perso?”.

Il fondatore di I Love Airola, già autore della vittoriosa battaglia per la posa della lapide commemorativa in piazza Caduti di Nassirya (ex Piazza Mercato), garantisce che la problematica troverà spazio e visibilità sulla piazza virtuale e chiede che siano pubblicamente rese spiegazioni ai cittadini coinvolti nell’assurdo caso delle variazioni toponomastiche “concluse a metà”.

Print This Post Print This Post