sabato 13 Agosto 2022 Il Benevento a Genoa per far bella figura e tentare il colpaccio | infosannionews.it sabato 13 Agosto 2022

Smooth Slider

“Sagra della Paccozza” : attesa per il riconoscimento quale “sagra di qualità”.

Grande pubblico nel corso dei due giorni dedicati a tale ...

40.ma edizione della Festa dell’Emigrante – Rotte che si incontrano

40.ma edizione della Festa dell’Emigrante - Rotte che si incontrano

Una lunga tradizione, quest’anno attenzionata con finanziamento dalla Regione Campania, ...

Dissesto, Fioretti (Capogruppo Pd): “Rendere pubbliche le conclusioni delle ispettrici”

Dissesto, Fioretti (Capogruppo Pd): “Rendere pubbliche le conclusioni delle ispettrici”

Di seguito nota stampa di Floriana Fioretti, capogruppo del Partito ...

Protezione Civile: Prosegue l’allerta maltempo fino a domani

Protezione Civile: Prosegue l'allerta maltempo fino a domani

Continua l'allerta meteo per piogge e temporali con livello di ...

Relazione del Ministero dell’Economia: l’assessore Serluca chiarisce

Relazione del Ministero dell’Economia: l'assessore Serluca chiarisce

"In merito alle notizie apparse sulla relazione delle ispettrici del ...

Stampa articolo Stampa articolo

Il Benevento a Genoa per far bella figura e tentare il colpaccio

06/08/2022
By

Inizia lunedi, 8 Agosto, la stagione agonistica del Benevento targato, anche quest’anno, Fabio Caserta. Dopo le amichevoli del ritiro, non proprio soddisfacenti, subito 4 incontri di livello per i giallorossi nei primi 5 match. La partita di Coppa Italia da dentro o fuori a Marassi contro il Genoa, poi in casa con il Cosenza, quindi in fila una dietro l’altra il Genoa, di nuovo e ancora a Marassi, il Frosinone in casa poi  il Venezia in laguna. Insomma un Agosto ed un  primo match di Settembre da far tremare i polsi con una squadra ancora incompleta, sembrerebbe che poi  è anche l’auspicio dei tifosi, e ancora non al top, ma questo diciamo che è normale.

Caserta dopo aver diminuito i ritmi, a suo dire causa delle prestazioni non brillanti della squadra nelle amichevoli, si augura di far bella figura in quel di Genova giocando a viso aperto contro il grifone. Vuole che i giallorossi facciano la partita da squadra consapevole della propria forza. In ogni caso scenderà in campo l’undici che da all’allenatore le maggiori garanzia al momento. Caserta ci tiene a far bella figura e passare il turno.

Chiaro è che il mercato, quest’anno anomalo, pesa come una spada di Damocle su tutte le formazioni e quindi anche su quella giallorossa impegnata, tra l’altro, a sfogliare la margherita per Barba e Ionita. Al momento i due sono in rosa, disponibili e quindi arruolati per l’incontro contro i rossoblu.
In difesa si parte a 4, a centrocampo occorrerà vedere le caratteristiche dei singoli giocatori che resteranno in rosa o che potrebbero arrivare. Ci sono giocatori comunque abbastanza duttili che permettono il cambio di modulo anche in corsa.

La difesa potrebbe vedere Glik e Pastina in campo visto che hanno già giocato insieme come con Barba mentre Capellini deve ancora affiatarsi. Bisogna tener presente in ogni caso, anche in sede di mercato, che il polacco parteciperà ai mondiali e quindi al ritiro pre-mondiale ed ai postumi del mondiale stesso.

Improta e Tello sono elementi importanti per Caserta dal punto di vista della duttilità che ti permettono perciò di cambiare assetto tattico in  qualsiasi momento. A centrocampo Viviani è il play con Talia sotto osservazione. Di lui il mister ha detto: è giovane, può sbagliare, diamogli il tempo di farlo. Può fare anche la mezzala visto che nasce come interno. In  avanti Forte e La Gumina si completano a vicenda e quindi possono anche giocare insieme, ha chiarito il tecnico calabrese. Thiam Pape è, al momento, il terzo attaccante.
Discorso a parte per Vokic che presenta, ha detto Caserta, troppi tempi morti che nel calcio moderno non puoi permetterti. Il mister lo vede attaccante esterno perchè ha caratteristiche diverse rispetto agli altri in rosa ma il ragazzo non è consapevole delle sue qualità, che sono superiori alla media, ma deve cambiare mentalità. Poi Farias, giunto lo scorso anno, ha ricordato Caserta, in una situazione difficile a livello fisico anche se poi è quello che ha avuto le migliori opportunità durante le varie partite. Quest’anno è giunto in ritiro presentandosi bene anche se occorre tener presente che da lui non si può chiedere le stesse cose che si possono chiedere ad Improta, perchè hanno caratteristiche diverse.

Quest’anno, infine,  il Benevento non è tra i favoriti ma non è detto che chi lo è vince per forza.

Tags: