domenica 26 Settembre 2021 La Fondazione “Gerardino Romano” ospiterà la dott.ssa Benedetta Palmieri. | infosannionews.it domenica 26 Settembre 2021

Smooth Slider
Mastella: “Il Maestro Mimmo Paladino girerà film al Parco Verde di Benevento “

Mastella: Il Maestro Mimmo Paladino girerà film al Parco Verde di Benevento

L’artista sannita Mimmo Paladino girerà un film al Parco Verde ...

Pietrelcina. A sorpresa arriva il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia

Boom di turisti nel paese natale di Padre Pio.  L’esponente ...

Pietrelcina. Complesso sportivo: intitolato al sindaco emerito Lino Mastronardi

Tanta emozione e grande folla per l’importante cerimonia.  Masone: “per ...

Mortaruolo : Sostegno all'idea di Perifano di istituire un ITS dell'Agroalimentare in provincia di Benevento

“L'idea lanciata dal candidato sindaco di Alternativa per Benevento, Luigi ...

Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

Benevento Calcio. Con il Perugia spettatori per il 50% della capienza massima

"Il Benevento Calcio è lieto di annunciare, in riscontro al ...

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

San Pio. Covid: situazione stazionaria con 14 ricoverati

Non cambia la situazione Covid al San Pio di Benevento ...

La Fondazione “Gerardino Romano” ospiterà la dott.ssa Benedetta Palmieri.

15/10/2012
By

Mercoledì 17 ottobre, alle ore 18.30, la Fondazione “Gerardino Romano”, sede sociale in piazzetta G. Romano, n. 15, Telese Terme (BN), ospiterà la dott.ssa Benedetta Palmieri.

All’incontro, coordinato dal prof. Felice Casucci, si discuterà del libro: “I Funeracconti ” , Edito nel 2011 da Giangiacomo Feltrinelli.

Il libro si può dividere in  dieci racconti. Il tema non è in senso stretto quello che si prevede dal titolo (è anche quello), ma è soprattutto un vociare convulso e dissonante che crea una sorta di melodia surreale in una realtà zittita.

Si racconta la vita che le cresce intorno. Qui, il distacco terreno viene allietato dal racconto di coloro che l’accompagnano  o lo vivono in prima persona. Qui, la morte torna ad essere quel che è : la cosa più naturale del mondo. Assume fattezze estetiche, dipana il suo filo nel labirinto della vita  e le consente una rivincita, di là dalle avventure ultramondane.

La morte non riguarda solo gli umani, che pure rivendicano un ruolo da protagonisti, ma tutti i viventi, dai fiori agli animali. Anch’essi, infatti, sono dotati d’intrinseca bellezza, anch’essi infatti lasciano tracce indelebili. La narrazione si compie per disincanto, con rapida ironia e benevola allegria. Una vera lezione di stile sulle spine del tabù per antonomasia della cultura occidentale. Dopo questo libro la morte non appare più la stessa. Neppure la vita. Tutta da attraversare, pur nell’oscurità che esplora.

Gli appuntamenti settimanali della Fondazione sono aperti al pubblico e rappresentano un’occasione di confronto per favorire uno sviluppo culturale sostenibile del territorio sannita. 

I video relativi agli incontri sono visibili sul sito della Fondazione: www.fondazioneromano.it, nella Sezione: “Mercoledì culturali”.

Benedetta Palmieri è nata a Napoli, dove vive. È giornalista pubblicista, collabora con Il Mattino ; ha pubblicato Un Due Tre Stella (Pironti Editore).

Print This Post Print This Post