sabato 13 Agosto 2022 Paolo Rumiz a Unisannio con Canto per Europa | infosannionews.it sabato 13 Agosto 2022

Smooth Slider

“Sagra della Paccozza” : attesa per il riconoscimento quale “sagra di qualità”.

Grande pubblico nel corso dei due giorni dedicati a tale ...

40.ma edizione della Festa dell’Emigrante – Rotte che si incontrano

40.ma edizione della Festa dell’Emigrante - Rotte che si incontrano

Una lunga tradizione, quest’anno attenzionata con finanziamento dalla Regione Campania, ...

Dissesto, Fioretti (Capogruppo Pd): “Rendere pubbliche le conclusioni delle ispettrici”

Dissesto, Fioretti (Capogruppo Pd): “Rendere pubbliche le conclusioni delle ispettrici”

Di seguito nota stampa di Floriana Fioretti, capogruppo del Partito ...

Protezione Civile: Prosegue l’allerta maltempo fino a domani

Protezione Civile: Prosegue l'allerta maltempo fino a domani

Continua l'allerta meteo per piogge e temporali con livello di ...

Relazione del Ministero dell’Economia: l’assessore Serluca chiarisce

Relazione del Ministero dell’Economia: l'assessore Serluca chiarisce

"In merito alle notizie apparse sulla relazione delle ispettrici del ...

Stampa articolo Stampa articolo

Paolo Rumiz a Unisannio con Canto per Europa

25/06/2022
By

Il 28 giugno, alle ore 18, Paolo Rumiz sarà ospite dell’Università del Sannio per presentare “Un canto per Europa”. L’incontro intitolato “Un viaggio sul mare del mito” si svolgerà nell’atrio di Palazzo Bosco Lucarelli (Corso Garibaldi n. 107).

In Un canto per Europa, edito da Feltrinelli, l’autore riprende il mito di Europa che, in questa nuova variante, è una giovane profuga siriana salvata da una ciurma di nomadi improbabili che l’aiutano a fuggire su una nave vecchia ma veloce come quella dei Feaci. Al principio del romanzo vi è l’elenco dei personaggi e dei loro epiteti che si ripetono lungo il dipanarsi della storia, rievocando l’antica mnemotecnica degli aedi. La nave si chiama Moya barca inglese dal nome gaelico, Vecchia Signora, Vela Rossa, Domatrice del Vento. L’eroina, Europa – Nostra Signora del Mediterraneo, l’Ostinata, Dalle belle caviglie – è una donna incinta, enigmatica, dal carattere difficile. Divora libri di notte: “in lei ardeva sotto la brace / lo stato d’allerta / animalesco, insonne del felino”. La sua epopea aiuterà i bizzarri compagni a comprendere il senso della loro patria comune: Europa è il sogno di chi una patria non l’ha potuta avere per guerra, povertà, sventura. È innanzitutto il sogno di chi viene da lontano, intraprendendo un periglioso viaggio.

Tags: