giovedì 7 Luglio 2022 Un minuto di silenzio alla Rocca dei Rettori per i martiri della mafia a 30 anni dalla strage di Capaci | infosannionews.it giovedì 7 Luglio 2022
Smooth Slider

Il “Telesia for Peoples” apre il 22 luglio con una serata dedicata ai giovani

Il “Telesia for Peoples” dedicata ai giovani nel segno della ...

Proroga a Gesesa. Comitato Sannita ABC: “Mastella dovrebbe garantire legalità, trasparenza e buon governo”

Proroga a Gesesa. Comitato Sannita ABC: Mastella dovrebbe garantire legalità, trasparenza e buon governo

Di seguito l'intervento di Marilina Mucci Comitato Sannita Acqua Bene ...

Pagati gli stipendi arretrati del 2021 ai lavoratori della Samte.

Pagati gli stipendi arretrati del 2021 ai lavoratori della Samte.

L’Avv,to Domenico Mauro, Presidente dell’Organo di liquidazione della Samte srl, ...

Stampa articolo Stampa articolo

Un minuto di silenzio alla Rocca dei Rettori per i martiri della mafia a 30 anni dalla strage di Capaci

23/05/2022
By

Nei Giardini della Rocca dei Rettori, sede della Provincia di Benevento, sono stati commemorati, all’ora esatta, nel trentennale della strage di Capaci i magistrati Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, martiri della lotta alla mafia.

Il Vice Presidente della Provincia di Benevento, Nino Lombardi, ed il Sindaco di Benevento, Clemente Mastella, hanno reso omaggio ai servitori dello Stato raccogliendosi in un minuto di silenzio, insieme agli Amministratori Comunali del capoluogo e della Provincia, mentre il Maestro trombettista Gaetano Cesarano dell’Orchestra Filarmonica di Benevento suonava “Il Silenzio” dinanzi a “Memoria è”, Monumento-installazione del Maestro Salvatore Paladino.

Presidente e Sindaco hanno anche ricordato la figura degli altri martiri della mafia, il magistrato Paolo Borsellino, saltato in aria, insieme ai cinque poliziotti di scorta, in via D’Amelio a Palermo il 19 luglio di quello stesso terribile 1992.

Lombardi e Mastella hanno definito “eroi”, che “credevano nel futuro del Paese”, i Caduti per mano mafiosa ed hanno voluto ricordare anche quanti rimasero feriti nelle due stragi.

La Cerimonia davanti a “Memoria è” alla Rocca dei Rettori, sollecitata dall’Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia e dall’Unione delle Province d’Italia, si è conclusa con l’Inno dei Mameli per sottolineare che il Paese è unito nella lotta alla criminalità mafiosa.

Tags: