lunedì 15 Agosto 2022 Guerra in Ucraina: Di Santo, per i nostri rifugiati attivato un corso di italiano | infosannionews.it lunedì 15 Agosto 2022

Smooth Slider

Incidente sul raccordo per San Giorgio del Sannio: 20enne impatta contro il guard-rail

Non sono ancora chiare le cause che questa mattina hanno ...

Pietrelcina. Inaugurata una piazza dedicata a San Giovanni Paolo II con relativa statua

La statua raffigura in maniera tridimensionale San Pio, San Giovanni ...

Limatola. Diana Marotta passa a Forza Italia

La Consigliera Comunale di Limatola, Diana Marotta, aderisce a Forza ...

Arpaise. “Tra Lucciole e stelle” - XIX edizione

Dopo i due appuntamenti di Cellole e Pietrastornina, s’inaugurerà questa ...

Caserta : Vogliamo partire bene in campionato e portare a casa i tre punti

Conferenza Stampa  di mister Caserta che anticipa l'incontro di domani ...

Stampa articolo Stampa articolo

Guerra in Ucraina: Di Santo, per i nostri rifugiati attivato un corso di italiano

21/05/2022
By

“Non solo accoglienza ma anche integrazione: è questo l’obiettivo della nostra iniziativa a favore dei profughi ucraini fuggiti dalla guerra e che ora sono domiciliati nella nostra comunità”. Così il Sindaco di Castelvenere Alessandro Di Santo commenta l’accoglienza di un gruppo di migranti dell’Ucraina in occasione dell’inizio del corso di lingua italiana, a loro dedicato, presso l’Istituto “Cipia” di San Salvatore Telesino, diretto da Antonio Gàita. A curare il progetto è il professor Raffaele Simone, delegato del sindaco alla Cultura, coadiuvato dalla professoressa Anna Simone. “Il corso appena avviato – spiega il professore Simone – proseguirà anche nel prossimo anno scolastico 2022/2023 in modo che i partecipanti possano ottenere la necessaria certificazione”. Per l’occasione, il preside Gàita, con gentilezza e solidarietà, ha voluto salutare i nuovi studenti ucraini ed ha fornito loro tutte le informazioni istituzionali del corso. “Il Comune di Castelvenere favorirà la frequenza del corso garantendo il trasporto in Scuolabus”, conclude Simone.

Tags: