giovedì 30 Giugno 2022 Riunita la Commissione alla Cultura in merito all’avviso pubblico relativo alle manifestazioni artistiche. | infosannionews.it giovedì 30 Giugno 2022
Smooth Slider

Approvato il Programma di riqualificazione Paleolab e area del Geosito di Pietraroja

E’ stato approvato dal Vice Presidente della Provincia di Benevento, ...

Sasà Mendoza e Peppe Sannino ‘live’ sabato a Castelvenere per l’anteprima della Festa del Vino

Sasà Mendoza (piano), Domenico De Marco (batteria), Cristina Zeta (voce), ...

Covid, al San Pio salgono i ricoveri. Oggi due dimessi.

Dal bollettino diramato dall'azienda ospedaliera San Pio di Benevento, nelle ...

Acli Benevento, Mastella: auguri alla neo presidente Pagliarulo

Acli Benevento, Mastella: auguri alla neo presidente Pagliarulo

“I miei più sentiti complimenti alla neo presidente delle Acli ...

Chiusura Temporanea al Traffico della Strada Provinciale N° 79

Chiusura Temporanea al Traffico della Strada Provinciale N° 79

Al fine di consentire alla Società Gesesa lo spostamento delle ...

Stampa articolo Stampa articolo

Riunita la Commissione alla Cultura in merito all’avviso pubblico relativo alle manifestazioni artistiche.

11/04/2022
By

Questa mattina, si è tenuta una seduta della commissione consiliare Cultura, nel corso della quale è stata tenuta l’audizione del Dirigente alla Cultura, Gennaro Santamaria, in merito all’avviso pubblico emanato per la nomina del Direttore Artistico per le manifestazioni artistiche realizzate o autorizzate dal Comune di Benevento per il triennio 2002/2024.

Il Dirigente ha chiarito, con la sua relazione, tutte le criticità poste sul bando dai consiglieri comunali di minoranza.

In primo luogo, Santamaria ha spiegato che l’amministrazione ha inteso modificare completamente il paradigma dell’incarico rispetto agli anni precedenti. Infatti, come si ricorderà, il precedente incarico era riferito alla sola direzione artistica della manifestazione “Città Spettacolo” e per una sola annualità. Oggi, invece, la direzione artistica è riferita, oltre che alla “Città Spettacolo”, anche a tutte le manifestazioni artistiche organizzate dall’Ente e non affidate ad altri e il coordinamento di tutte le manifestazioni artistiche che l’amministrazione nel corso dell’anno autorizza e l’incarico ha durata triennale. Tale scelta, ha chiarito il dirigente, è assolutamente opportuna perché consente una programmazione più articolata e con tempi più confacenti alla pubblica amministrazione.

Quanto ai criteri posti a base per l’individuazione del Direttore, il dirigente ha spiegato, che gli stessi sono stati mutuati anche da altri bandi simili emanati da altri Comuni d’Italia e che quindi non vi è stata una costruzione ad arte per circoscrivere la partecipazione al bando. In particolare, anche sulla inconferibilità dell’incarico a soggetti posti in quiescenza, il dirigente ha reso noto, che questo è un esplicito vincolo posto a tutte le pubbliche amministrazioni ai sensi dell’art. 5 comma 9 del DL 95/2012. Quindi nessuna esclusione di grandi artisti perché gli stessi, molto probabilmente, osservando un sistema previdenziale specifico, non sono in quiescenza e non rientrano tra i soggetti esclusi ai sensi della normativa richiamata. La scelta del Direttore Artistico avverà mediante una commissione e, sul piano finale, sarà determinata dal sindaco.

Infine, sulla questione della determinazione del compenso, Santamaria ha chiarito, così come ha già fatto il presidente del Collegio dei revisori, che nel bando vi è un criterio (5% dei finanziamenti ottenuti) che permette di determinare il compenso all’atto dell’affidamento dell’incarico. Quindi non vi è nessun rinvio in bianco ad un successivamente atto di liquidazione cosa vietata così come censurato dalla delibera della Corte dei Conti Sez. Reg. Emilia n. 241/2021/INPR del 16/11/2021.

Il presidente della Commissione Cultura, Mara Franzese, nel ringraziare il dirigente Santamaria per la relazione resa alla commissione, ha sottolineato che l’operato dell’amministrazione nel suo insieme è stata del tutto trasparente e finalizzata al perseguimento dell’interesse pubblico.

“Una direzione artistica – ha concluso Franzese – così articolata garantirà alla città un programmazione più vasta e più corrispondente alle esigenze culturali della stessa.”

Tags: