venerdì 23 Febbraio 2024 Intervento di Lonardo in commissione Agricoltura nel corso dell’audizione del Ministro Patuanelli | infosannionews.it venerdì 23 Febbraio 2024
In evidenza
Convocato il Consiglio provinciale. Dodici i punti all’Ordine del giorno

Convocato il Consiglio provinciale. Dodici i punti all'Ordine del giorno

Il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi ha convocato ...

Accademia Volley, domani incontro casalingo per la sfida salvezza con Cutrofiano (LE)

Turno casalingo per l’Accademia Volley che domani pomeriggio al Palaparente ...

Martedì 5 marzo la Festa del Tennis Sannita

Al via martedì 5 marzo 2024  alle ore 18 presso ...

Via Port’Aurea sarà chiusa al traffico nei giorni 26 e 27 febbraio

Benevento – Lunedì 26 e martedì 27 febbraio via Port’Aurea ...

Un'operazione per perdere peso, ma qualcosa va storto. Muore a soli 38anni.

Dramma all'ospedale Fatebenefratelli di Benevento, la vittima era della provincia ...

Stampa articolo Stampa articolo

Intervento di Lonardo in commissione Agricoltura nel corso dell’audizione del Ministro Patuanelli

31/03/2022
By

Questa mattina, in Commissione Agricoltura, si è tenuta una audizione del Ministro alle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Stefano Patuanelli, sul tema della sovranità alimentare e del sostegno alle produzioni agricole strategiche. Il Ministro ha fatto una relazione molto puntuale e precisa, evidenziando la crisi imperante in agricoltura, soprattutto dovuta all’aumento dei prezzi del carburante e quindi delle materie prime. La pandemia prima e poi la invasione in Ucraina da parte della Russia, ha reso la situazione davvero critica, tenuto conto di quanto importiamo dall’Ucraina, come cereali e semi. Grande plauso agli agricoltori, che soprattutto nella fase della pandemia non hanno mai fatto mancare il cibo sugli scaffali, hanno affrontato con grande dedizione ed abnegazione le tante difficoltà, hanno saputo tenere duro. La situazione in questo momento è sicuramente peggiorata… tante sono le aziende che stanno chiudendo, e se le cose non cambieranno, molte altre getteranno la spugna. Ma come si può continuare a coltivare, se alla fine quando si vende il prodotto, il prezzo non copre neppure le spese? Allora intervenendo, ho ribadito che è fondamentale imporre prezzi minimi garantiti su grano, olio, vino, carne, latte. Si devono assolutamente incentivare i contratti di filiera agroalimentare, soprattutto tra la parte agricola e quella industriale. In particolare, bisogna fare in modo che ci sia una base di partenza della definizione del prezzo, che non vada al di sotto dei costi di produzione delle aziende agricole, vedendo quello che accade, per esempio il latte viene pagato meno di quanto costa produrlo. E questo capita in tutte le altre coltivazioni. Molti colleghi, hanno fatto riferimento agli ettari ed ettari di terreno incolto nel nostro Paese. E’ certo che questo avviene… Se abbiamo perso coltivazioni di grano duro è perché non potevamo competere con gli altri Paesi, con le loro dimensioni territoriali enormi, l’industria ha preferito comprare in modo speculativo i loro prodotti che costavano meno, anno per anno, ed il risultato è stato che abbiamo perso ettari ed ettari di coltivazioni. Si desse la certezza agli agricoltori di non perdere sulle vendite, e sono certa che molti torneranno a coltivare. Ho fatto pure un appello, affinché si controlli la produzione in tutti i pastifici, se è vero che c’è scritto in etichetta: ”grano italiano”, ebbene perché diversi pastifici hanno sospeso la produzione con la motivazione: “mancanza della materia prima”. Ho fatto riferimento anche alla necessità di fare controlli stringenti sui grani che arrivano dal Canada, non dimentichiamo che la problematica glifosate, esiste ancora.

Tags: