mercoledì 25 Maggio 2022 Giornata della memoria. In Prefettura la consegna delle medaglie d’Onore | infosannionews.it mercoledì 25 Maggio 2022
Smooth Slider

“Conoscere per prevenire”: il Liceo Giannone incontra la Polizia di Stato

A conclusione del Percorso di Educazione alla Legalità per l’anno ...

Noi Di Centro, Luigi Bosco: Martusciello ossessionato da Mastella

“Martusciello è un bugiardo matricolato e perdipiù spregiudicato. E’ ossessionato ...

Covid, al San Pio un  dimesso ed un nuovo ricovero.

Covid, al San Pio un dimesso ed un nuovo ricovero.

Al San Pio di Benevento, la situazione sui dati covid ...

Concorsi ASIA, pubblicati avvisi convocazione prove scritte.

Concorsi ASIA, pubblicati avvisi convocazione prove scritte.

L'Asia comunica che sono state pubblicati sul sito istituzionale -www.asiabenevento.it- gli ...

Stampa articolo Stampa articolo

Giornata della memoria. In Prefettura la consegna delle medaglie d’Onore

27/01/2022
By

In occasione della ricorrenza del “Giorno della Memoria”, nella mattinata odierna, si è svolta in Prefettura la tradizionale cerimonia di consegna delle Medaglie d’Onore che, a causa dell’emergenza epidemiologica e delle attuali misure straordinarie di contenimento che limitano la possibilità di aggregazione, si è tenuta in modo ristretto. Presenti il Questore di Benevento, dr. Edgardo Giobbi, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Benevento, Col. Germano Passafiume, ed il Vice Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Benevento, Ten. Col. Giovanni Ferrajolo nonché i Sindaci dei comuni di residenza degli insigniti: il dr. Giuseppe Addabbo Sindaco di Molinara, il Geom. Pasqualino Cusano Sindaco di Sassinoro ed il dr. Mario La Montagna Commissario Straordinario del Comune di San Marco dei Cavoti. Nell’occasione il Prefetto Carlo Torlontano, ha evidenziato il particolare significato della celebrazione odierna: “necessaria per trasmettere ai giovani, futuro del nostro Paese, una cultura della memoria, perché le giovani generazioni conoscano e capiscano quello che è avvenuto a seguito dell’approvazione delle leggi razziali. L’esercizio della memoria, la conoscenza di quello che è accaduto nel passato, è condizione indispensabile per evitare che tragedie cosi terribili, come il genocidio degli ebrei, possano ancora verificarsi”. Il Prefetto ha consegnato le Medaglie d’onore concesse ai cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra, con Decreto del Presidente della Repubblica, ai sensi art.1, commi 1271-1276, della legge 296/2006, a titolo di risarcimento morale per il sacrificio patito dagli stessi. Il Prefetto, insieme alla medaglia, ha consegnato anche una copia del foglio matricolare conservato agli atti dell’Archivio di Stato di Benevento. Di seguito, le schede informative degli insigniti: • al Sig. Donato SPAGNOLETTI, nato a Molinara il 24.01.1922: Soldato di leva del Distretto Militare di Benevento, collocato in congedo illimitato provvisorio il 13 giugno 1941,veniva richiamato alle armi il 04.02.1942, ed assegnato al 6° Reggimento Artiglieria. Successivamente il 18.08.1942, assegnato al 6° Reggimento Artiglieria Gruppo Ippotrainato è stato destinato in Croazia. Ha partecipato dal 18.08.1942 all’ 8.09.1943 alle campagne di guerra nei Balcani, territorio della ex Jugoslavia. Catturato dalle truppe tedesche l’8.09.1943, è stato condotto in Germania. È stato collocato in congedo illimitato il 04 luglio 1946. Gli sono state conferite due Croci al Merito di Guerra, in virtù del Reggio Decreto del 14.12.1942 nr.1729, per la partecipazione alle campagne di guerra del 1942 e del 1943. • alla memoria del Sig. Rinaldo CAVOTO, nato a San Marco dei Cavoti il 02.01.1922: Soldato di leva del Distretto Militare di Benevento, collocato in congedo illimitato provvisorio il 15 giugno 1941, veniva richiamato alle armi il 19.09.1942 ed assegnato al Reparto 133° Reggimento Artiglieria. Imbarcatosi a Brindisi il 23 giugno 1943, sbarcava a Patrasso il 24.06.1943 e veniva assegnato al XXIV° Reggimento Artiglieria. È stato catturato dai tedeschi e condotto in Germania il 09 settembre 1943. Ha partecipato alla campagna di guerra del 1943. Gli è stata conferita una Croce al Merito di Guerra, in virtù del Reggio Decreto del 14.12.1942 nr.1729. È stato autorizzato a fregiarsi del distintivo della guerra di liberazione, istituito con decreto della Presidenza della Repubblica del 17.11.1948 nr.1590. • alla memoria del Sig. Giuseppe Antonio COCCA, nato a San Marco dei Cavoti il 14.10.1919: Soldato di leva del Distretto Militare di Benevento, richiamato alle armi l’8.01.1941 ed assegnato al IV° Reggimento Fanteria, giungeva in territorio di guerra il 09.01.1941. Il 10.01.1942 veniva assegnato presso il II° Battaglione di Fanteria Motorizzata. Il 23.02.1942 imbarcatosi a Bari con il secondo battaglione, il 27 dello stesso mese sbarcava in Albania. Catturato dai Tedeschi l’8.09.1943 è stato condotto in Germania. Ha partecipato alle campagne di guerra del 1941 al 1942, nei Balcani – territorio della ex Jugoslavia. È stato collocato in congedo illimitato il 21 settembre 1946. Gli sono state conferite due Croci al Merito di Guerra, in virtù del Reggio Decreto del 14.12.1942 nr.1729. • alla memoria del Sig. Antonio Luciano PICCUCCI, nato a Sassinoro il 13.12.1920: Soldato di leva del Distretto Militare di Benevento, collocato in congedo illimitato il 29 aprile 1940. Veniva richiamato alle armi il 13.01.1941, ed assegnato al X° Reggimento Artiglieria. Il 19.12.1941 si è trovato in territorio dichiarato in stato di guerra. Il 31.03.1942 è stato assegnato al 110° Reggimento di Artiglieria. Imbarcatosi a Brindisi il 23.06.1943 e sbarcato a Corinto il 25.06.1943, è stato assegnato al 96° Gruppo Artiglieria Costiera. Catturato dai tedeschi il 09 settembre 1943, è stato condotto in Germania. Ha partecipato alla campagna di guerra del 1943. A decorrere dal 25 settembre 1946 è stato collocato in congedo assoluto. Gli è stata conferita una Croce al Merito di Guerra, in virtù del Reggio Decreto del 14.12.1942 nr.1729. Il sig. Donato SPAGNOLETTI, unico insignito vivente, in occasione della odierna cerimonia, ha raccontato ai rappresentanti della stampa, presenti alla cerimonia, alcuni episodi salienti relativi alla propria esperienza vissuta, affinchè gli stessi venissero veicolati alla nuove generazioni.