sabato 4 Dicembre 2021 Mastella : ” Sulla questione Di Maria atteggiamenti scriteriati e poco garantisti” | infosannionews.it sabato 4 Dicembre 2021
Smooth Slider

Benevento. Denunciati a piede libero 3 napoletani

Nella serata del 3 dicembre. gli uomini della Squadra Mobile ...

Abeti Natalizi, Rosetta De Stasio interroga l’assessore all’ambiente

Abeti Natalizi, Rosetta De Stasio interroga l'assessore all'ambiente

"Ho presentato, nella giornata di ieri, 2 Dicembre, un’interrogazione all’Assessore ...

Quando Esculapio Incontra le Muse. Sabato 4 Dicembre, Complesso Monumentale “San Felice”

Nell'ambito delle manifestazioni culturali che annualmente l'Ordine dei Medici Chirurghi ...

Al “San Pio” un dimesso.I pazienti ricoverati per Covid sono 21

Al San Pio un dimesso.I pazienti ricoverati per Covid sono 21

Attualmente al "San Pio" di Benevento, i pazienti ricoverati sono ...

Stamane sorteggio per la posizione delle Liste sulla scheda elettorale per il rinnovo del Consiglio Provinciale

Stamani l’Ufficio Elettorale della Provincia di Benevento ha sorteggiato  l’attribuzione ...

Consiglio Provinciale convocato per il giorno 13 Dicembre

Consiglio Provinciale convocato per il giorno 13 Dicembre

Il Vice Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi ha ...

Stampa articolo Stampa articolo

Mastella : ” Sulla questione Di Maria atteggiamenti scriteriati e poco garantisti”

25/11/2021
By

“Come ex ministro della Giustizia ho sempre rispettato il ruolo e l’attività della magistratura sia inquirente che giudicante. Anche quando, come nel mio caso, era difficile accettare accuse che successivamente si sono rivelate assolutamente infondate. Ancora oggi rimane questa mia convinzione di rispetto e fiducia nell’attività della magistratura. Egualmente, però, voglio esprimere la mia vicinanza e solidarietà umana al presidente della Provincia Antonio Di Maria, che ritengo essere una persona perbene e che sono convinto riuscirà a dimostrare la sua estraneità ai fatti che gli sono contestati. Allo stesso modo voglio esprimere vicinanza alla famiglia, ed in particolare alla figlia, perché conosco il dramma che stanno vivendo in questo delicato momento. Purtroppo in vicende giudiziarie come questa occorre attendere troppo tempo, io ho atteso ben 11 anni, per spazzare via una sorta di contumacia morale, sghignazzamenti vari, sorrisini, brindisi a champagne, come avvenne nel mio caso in alcune sedi locali di partito. Il problema riguarda però la politica, che dovrebbe accelerare i tempi della giustizia, e il Parlamento, che vedo molto in ritardo ed inefficace rispetto alla risoluzione di questa importante problematica. Nonostante ciò, mi auguro che per Di Maria i tempi siano più rapidi e che la vicenda possa chiarirsi celermente, anche perché – è bene sottolinearlo – non risultano esserci state dazioni in danaro in suo favore. Non posso, inoltre, esimermi dal rammaricarmi per il fatto che in queste ore ci sia stato qualcuno che abbia voluto attaccare il presidente Di Maria dimenticando, tra l’altro, che nella stessa vicenda sono coinvolti due esponenti autorevoli del Pd, uno agli arresti domiciliari e un altro indagato e non sottoposto a misure restrittive perché non svolge più le funzioni di un tempo. In situazioni come questa occorre dimostrare senso di responsabilità e pacatezza, come abbiamo fatto noi per la vicenda che ha riguardato il segretario provinciale del Pd Carmine Valentino. E, invece, siamo costretti ad assistere ad atteggiamenti scriteriati e poco garantisti da parte esponenti locali di Pd, Lega e Movimento 5 Stelle che, anziché badare alla trave nei propri occhi, fanno sciacallaggio politico. A noi è capitato un caso, a loro tanti casi. Da ultimi quelli che riguardano il sindaco di Reggio Calabria, che proprio in questi giorni è stato raggiunto da una decisione del tribunale ed è stato sospeso dalle sue funzioni, o quelli che riguardano i segretari amministrativi di Lega e Pd, Giulio Centemero e Francesco Bonifazi, e l’ex presidente Cinquestelle dell’assemblea capitolina, Marcello De Vito, rinviati a giudizio per aver ricevuto tangenti nell’ambito dell’inchiesta legata alla realizzazione del nuovo stadio della Roma. Da parte nostra non c’è stata esultanza per queste vicende, a differenza di qualche sciacallo politico locale, il cui atteggiamento francamente ritengo che sia moralmente inaccettabile, deprecabile e soprattutto disprezzabile”. A dichiararlo è stato questa mattina il sindaco di Benevento, Clemente Mastella.

Tags: