sabato 4 Dicembre 2021 La Consulta degli Studenti attacca la dirigenza del Conservatorio per una nomina “costosa” | infosannionews.it sabato 4 Dicembre 2021
Smooth Slider

Benevento. Denunciati a piede libero 3 napoletani

Nella serata del 3 dicembre. gli uomini della Squadra Mobile ...

Abeti Natalizi, Rosetta De Stasio interroga l’assessore all’ambiente

Abeti Natalizi, Rosetta De Stasio interroga l'assessore all'ambiente

"Ho presentato, nella giornata di ieri, 2 Dicembre, un’interrogazione all’Assessore ...

Quando Esculapio Incontra le Muse. Sabato 4 Dicembre, Complesso Monumentale “San Felice”

Nell'ambito delle manifestazioni culturali che annualmente l'Ordine dei Medici Chirurghi ...

Al “San Pio” un dimesso.I pazienti ricoverati per Covid sono 21

Al San Pio un dimesso.I pazienti ricoverati per Covid sono 21

Attualmente al "San Pio" di Benevento, i pazienti ricoverati sono ...

Stamane sorteggio per la posizione delle Liste sulla scheda elettorale per il rinnovo del Consiglio Provinciale

Stamani l’Ufficio Elettorale della Provincia di Benevento ha sorteggiato  l’attribuzione ...

Consiglio Provinciale convocato per il giorno 13 Dicembre

Consiglio Provinciale convocato per il giorno 13 Dicembre

Il Vice Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi ha ...

Stampa articolo Stampa articolo

La Consulta degli Studenti attacca la dirigenza del Conservatorio per una nomina “costosa”

23/11/2021
By

Scrivono dalla Consulta : “Diciottomila euro l’anno sono bei soldi, tanto più se sono netti. Corrispondono a 1.500 euro al mese che entrano in tasca puliti e luccicanti come una posata d’argento, e pesano sul bilancio come un ippopotamo, per circa 25.000 euro l’anno in totale compresi i contributi. Valgono quanto due redditi di cittadinanza per due famiglie numerose e spiantate, quanto lo stipendio di un docente di Conservatorio di prima nomina che – per guadagnarselo – deve minimo minimo sudarsi un diploma di biennio di strumento, una laurea magistrale, un dottorato di ricerca, tanti concerti e/o pubblicazioni, e aver sopportato svariati anni di precariato sballottato su e giù per la Penisola, isole non escluse. Al Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento c’è chi un simile stipendio se lo ritrova senza aver fatto niente di simile, limitandosi a scrivere in tutta comodità post sulla pagina Facebook ufficiale della pregevole istituzione, onorandone le magnifiche sorti. Chi, prima di lui, svolgeva il medesimo compito, guadagnava 1.000 euro l’anno lordi. A distanza di pochi mesi questo lavoro vale oggi oltre 20 volte di più. Ma, direte voi, magari questa persona è un professionista, magari c’è un’iscrizione all’Ordine. Ma, diremo noi, in Conservatorio ci sono altri lavoratori iscritti al medesimo Ordine che, semplicemente, non svolgono quanto prima facevano, in dispregio al DLGS 165/2001 che vieta esplicitamente simili modi di fare. È o non è una notizia succosa, molto più dei noiosissimi resoconti dei concerti del San Vittorino?

Angelo Cioffi, Presidente della Consulta degli Studenti del Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento

Mattia Luciano, Vicepresidente della Consulta degli Studenti del Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento

Rachele Di Vaia, Consulta degli Studenti del Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento

Riccardo Crisci, Consulta degli Studenti del Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento

Tags: