venerdì 26 Novembre 2021 Antonella Calandrini (Città Aperta):Nel programma di Perifano un assessorato anche per le contrade | infosannionews.it venerdì 26 Novembre 2021
Smooth Slider
Un nuovo decesso per Covid al “San Pio”

Un nuovo decesso per Covid al San Pio

Ancora un decesso per Covid al "San Pio". A perdere ...

Il papà di Eataly a Unisannio per l'inaugurazione dell'anno accademico

Oscar Farinetti parteciperà alla cerimonia in programma il 28 gennaioOscar ...

Confindustria e Asl in Tandem per la Prevenzione Oncologica

Oltre 70 gli screening effettuati a limatola con il supporto ...

Noi Campani all’on.Umberto Del Basso De Caro: “Non accettiamo lezioni da chicchessia”

Noi Campani all'on.Umberto Del Basso De Caro: Non accettiamo lezioni da chicchessia

“Prendiamo atto delle affermazioni dell’onorevole Umberto Del Basso De Caro, ...

Stampa articolo Stampa articolo

Antonella Calandrini (Città Aperta):Nel programma di Perifano un assessorato anche per le contrade

12/10/2021
By

“Aiutare ad avvicinare il più possibile i cittadini a fornire un contributo attivo e costruttivo nei riguardi delle molteplici e spesso complesse scelte che il governo cittadino deve affrontare continuamente” questo l’approccio, e il metodo democratico e sinergico che il candidato sindaco Luigi Diego Perifano della coalizione Alternativa per Benevento, ora d’intesa con la coalizione Arco di Angelo Moretti, è pronto ad attuare per la Città di Benevento.

Dieci i punti trattati dal programma, tra i quali, vi sono fondamentali progetti che coinvolgono l’urbanistica e la mobilità che saranno realizzati attraverso un intervento consultivo che terrà conto delle esigenze di tutti i cittadini interessati e che avrà come obiettivo la riqualificazione della città.

Il “punto sei” del programma è uno degli obiettivi fortemente sentiti per migliorare la qualità di vita delle “contrade” che rappresentano gran parte del territorio cittadino e che troppo spesso lamentano situazioni di abbandono e degrado. Pur essendo un luogo dove si vive il senso di appartenenza alla città si avverte un distacco dalla stessa e l’urgenza di riconnetterle con il centro.

Numerosi i problemi mai affrontati e risolti, come i lavori incompiuti o mai avviati per l’estensione della rete idrica, la difficoltà nella raccolta dei rifiuti, la situazione di dissesto della viabilità locale, la scarsa o carente illuminazione pubblica ecc..

Il progetto prevede l’istituzione di un assessorato che si occupi esclusivamente della vivibilità delle contrade.

Lo scopo dell’assessorato sarà quello di garantire una programmazione ordinata, assidua e concreta del piano per la riqualificazione delle contrade, così da consentire la risoluzione degli annosi problemi denunciati e la riconnessione delle zone periferiche della città con il centro, perché ogni parte della nostra città merita di essere scoperta e attende da troppo tempo di essere valorizzata.

Promuovere un’azione di miglioramento della qualità di vita nelle zone dislocate è possibile con la nomina di un “Assessore alle contrade”; un tecnico dedicato all’ascolto delle problematiche delle zone rurali e all’individuazione di adeguate soluzioni per riequilibrare il rapporto tra il centro e le aree dislocate.

La figura dell’Assessore, lavorando a stretto contatto con il Sindaco, Giunta e Consiglio Comunale, agirà da stimolo, nella promozione e nell’organizzazione di eventi legati alla partecipazione. Garantirà una programmazione ordinata, continua e concreta di modo che nell’arco dei cinque anni possano essere risolti gran parte dei problemi lamentati da anni, allo stesso tempo individuerà gli interventi da eseguire impegnandosi a realizzarli entro tempi certi.

“Riconoscere centralità alle contrade “ vuol dire garantire il diritto di chi vive in queste zone della città ad avere finalmente servizi essenziali e necessari che da anni sono assenti. Il diritto ad avere servizi funzionanti è un diritto di ogni cittadino e pertanto riteniamo che la vivibilità delle contrade debba essere un tema centrale e permanente dell’azione amministrativa della prossima giunta, e non solo oggetto di meri proclami in campagna elettorale.

Il nostro obiettivo è ”fare squadra”, creare un dialogo tra cittadini e governo comunale, per riconnettere le contrade con il centro e preservare la loro piena identità.

Tags: