venerdì 3 Febbraio 2023 Fausto Pepe : “Nei nostri 10 anni hanno lavorato per lo più beneventani” | infosannionews.it venerdì 3 Febbraio 2023
  • Parte da noi, Benevento. Per Elly Schlein segretaria del Pd.
Smooth Slider

ARPAC: Qualità dell’aria in Campania: monitoraggio mai interrotto, riprende pubblicazione bollettini

L’Agenzia ambientale della Campania rende noto che ha ripreso a ...

Progetto ASD: Sport Gratuito per Tutti

Sta per iniziare il progetto ‘’SPORT DI TUTTI’’ per bambine/i ...

Cia Campania: al via le domande per gli aiuti alle imprese agricole colpite dalla crisi energetica

“Un risultato ottenuto anche grazie al contributo decisivo di Cia ...

Unifortunato: Lo sportello Seed e l'Innovation Hub sei Sannio, presentano Call For Ideas Traiano

Nell’ambito delle proprie attività divulgative e formative aventi ad oggetto ...

Aderisce a Forza Italia Rocco Diglio di Pontelandolfo

Rocco Diglio, studente universitario, in campo alle prossime elezioni amministrative ...

Stampa articolo Stampa articolo

Fausto Pepe : “Nei nostri 10 anni hanno lavorato per lo più beneventani”

11/10/2021
By

Scrive Fausto Pepe : “L’affidamento di servizi essenziali per 10 anni a ditte napoletane e casertane è una delle più grandi vergogne della amministrazione Mastella che  continua ad inquinare le acque, cerca la rissa, scantona, insomma ha il terrore di aver perso le elezioni, e ancora di più ha il terrore delle conseguenze che questo determinerà non appena avrà lasciato il Palazzo. La vicenda delle opere pubbliche affidate durante i NOSTRI 10 anni di amministrazione (chieda a Del Vecchio, Scarinzi, Lepore, Panunzio ecc.) a ditte casertane e napoletane è davvero esilarante, in quel periodo hanno lavorato perlopiù beneventani, e questo ovunque, nel settore del verde, dei rifiuti, e ove possibile nei lavori pubblici, ed alcune delle opere da lui elencate sono addirittura state affidate prima del 2006. Andasse a vedere le date prima di accusare inutilmente. Spieghi invece alla città come mai ditte casertane e napoletane hanno usufruito di “gare negoziate” nella nostra Benevento nella sua amministrazione: Progetto di Finanza di Piazza Risorgimento e Terminal bus; Affidamenti dei servizi cimiteriali; Servizio del verde pubblico; Servizio autobus urbani e parcheggi strisce blu alla Trottabus; Sevizio di assistenza ai disabili; Servizio di ospitalità ai minori non accompagnati; Servizio di assistenza agli anziani Casa San Pasquale; e questi sono solo alcuni pochi esempi di “scippi” effettuati ai danni di imprese beneventane. Il tentativo di Mastella di affrancarsi dai suoi rapporti con ambienti politici casertani invece è davvero strano, tutti infatti ricordano che il suo partito in passato è stato tra i più votati in quelle terre, addirittura per un pò di tempo è stato il primo partito a Casal di Principe, e questo è testimoniato su ogni organo di informazione, non c’è motivo di vergognarsene. Anche riguardo al commercio, Mastella addebita alla NOSTRA amministrazione (chieda anche qui a Del Vecchio, Scarinzi, Lepore, Panunzio ecc.) l’apertura dei centri commerciali in Città. Ebbene sbaglia clamorosamente anche qui. Difatti NOI non abbiamo mai approvato una lottizzazione dei grandi centri commerciali in Città. Gli consiglio a questo punto più lucidità prima di avventurarsi in dichiarazioni mendaci. Così come per “il disco rotto” della vicenda della galleria “Malies”, qui Mastella sbaglia tempi e amministratori coinvolti, forse perché ha imbarcato con lui sia “quelli di prima, che quelli di dopo”, perdendo l’orientamento. NOI con quell’appalto e con i relativi atti ammnistrativi abbiamo poco a che fare. Infine sulla cosiddetta “disamministrazione finanziaria” si è davvero toccato il fondo. Mastella spieghi perché è andato in dissesto, e invece di accusare gli altri (anche Del Vecchio, Scarinzi, Lepore, Panunzio ecc.), risponda ai rilievi dell’Organo Straordinario di Liquidazione, che lo ricordo è formato da esperti del Ministero degli Interni, che gli hanno addebitato di tutto: Mancato trasferimento delle entrate di loro competenza; Mancata stima dei beni da vendere; Mancato adeguamento degli uffici per portare a termine il lavoro sul dissesto. Insomma vero disastro, che porterà ad un bilancio non in equilibrio, e qui ne vedremmo delle belle purtroppo!”

Tags: