lunedì 27 Giugno 2022 Diga di Campolattaro, Mastella e Di Maria attaccano il PD:”Sarebbe stato molto meglio un apporto propositivo e costruttivo invece…” | infosannionews.it lunedì 27 Giugno 2022
Smooth Slider

Campionati Regionali di Prove multiple per la Libertas Benevento

Il Sannio ha sempre prodotto multiatleti importanti e la Libertas ...

Ponte – Torrecuso. Al via le iscrizioni per la settima edizione delle Olimpiadi dei Forum Giovanili

Ponte – Torrecuso. Al via le iscrizioni per la settima edizione delle Olimpiadi dei Forum Giovanili

Al via le iscrizioni per partecipare alle Olimpiadi dei Forum ...

“Borghi della Lettura” inaugurato ufficialmente l’ingresso del Comune di Cerreto Sannita

“Borghi della Lettura”, inaugurato l’ingresso del Comune di Cerreto Sannita. ...

San Pio, covid. Dopo l’impennata, ora situazione stabile

San Pio, covid. Dopo l'impennata, ora situazione stabile

Situazione stabile in questo fine settimana che non registra bessun ...

Pietrelcina. “Una Voce per Padre Pio”: share del 16,8% con 2.024.000 di telespettatori

La nota trasmissione televisiva di Raiuno vince la sfida con ...

Stampa articolo Stampa articolo

Diga di Campolattaro, Mastella e Di Maria attaccano il PD:”Sarebbe stato molto meglio un apporto propositivo e costruttivo invece…”

20/07/2021
By

Di seguito ecco quanto dichiarato dal  Sindaco di Benevento, Clemente Mastella, e dal Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria:

“Registriamo con stupore il divampare delle polemiche in merito ai decisivi passi in avanti realizzati negli ultimi due anni dal programma di realizzazione del potabilizzatore della Diga di Campolattaro sul fiume Tammaro.

Un’opera, quest’ultima, i cui lavori, cominciati nel 1980, furono ultimati nel 1995 e che, a tanti anni di distanza, proprio a ragione della mancata costruzione dell’impianto di derivazione delle acque raccolte nell’invaso, non ha ancora realizzato la sua funzione essenziale, cioè quella di re-distribuire l’acqua ai cittadini.

Ora, in un Paese normale, la svolta finalmente raggiunta con la decisione di inserire l’impianto di potabilizzazione tra le “Opere strategiche nazionale” del Piano Nazionale di Resilienza e Rinascita, con una mobilitazione straordinaria di risorse finanziarie per mezzo miliardo di Euro, sarebbe stata salutata come un evento da ricordare.

Ed, invece, non si è sprecata l’occasione per sollevare polveroni. La cosa che più lascia perplessi è che sia stato il Pd sannita, lo stesso Partito che esprime la Presidenza della Regione Campania e che partecipa all’alleanza di governo del Paese, a sollevare una sorta di cortina fumogena. In effetti, il PD sannita è sembrato lieto della presunta introduzione di una figura Commissariale: infatti, si legge tra le righe del documento del PD cha tale misura commissariale fosse finalizzata a punire proprio chi, negli ultimi tempi, come ha sottolineato l’assessore e Vice Presidente della Regione Campania on. Bonavitacola, meglio e più degli altri si è adoperato affinché questa Diga da 85 milioni di metri cubi d’acqua fosse messa in condizione di servire il territorio e i suoi cittadini.

Vorremmo ricordare che, proprio dalla interlocuzione tra la Provincia, Comune di Benevento e la Regione Campania, negli ultimi due anni, grazie anche ad un Tavolo tecnico appositamente istituito, si sono realizzati i progressi straordinari per il potabilizzatore della Diga sul Tammaro, il cui progetto di fattibilità è stato approvato dalla Direzione regionale del ciclo delle acque. Ed è grazie a questo primo, ma fondamentale “step”, illustrato nel corso di una pubblica Assemblea all’ex Convento Sant’Agostino in Città, che il Governo Draghi ha inserito l’opera tra le 9 “strategiche” nazionali del cosiddetto “Decreto Semplificazioni”: un traguardo eccezionale.

Sarebbe stato molto meglio, dunque, da parte del PD sannita, un apporto propositivo e costruttivo, sul tema di un investimento pari ad oltre mezzo miliardo di Euro (la gran parte dei quali provenienti dalla Regione), così rilevante per lo sviluppo del territorio sannita. Si è preferita, invece, un’azione diversa”.

Tags: , ,