venerdì 28 Gennaio 2022 Procura della Repubblica. Fatture per operazioni inesistenti, sequestro preventivo per euro 318.485,13 | infosannionews.it venerdì 28 Gennaio 2022
Smooth Slider

Agostinelli a De Longis: Una pessima caduta di stile oppure palese ignoranza.

“Una pessima caduta di stile, quella del consigliere De Longis, ...

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Sabato 29 gennaio dalle ore 10:30 in piazza Castello a ...

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell’ex Scuola Media

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell'ex Scuola Media

“Il Comune di Puglianello, attraverso un finanziamento proveniente dallo Stato ...

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

Il comune di San Leucio del Sannio è risultato beneficiario ...

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Al San Pio di Benevento nelle ultime 24 ore ci ...

Firmato protocollo tra Unisannio e Dipartimento F.P. per ri-formare la P.A.

Al via percorsi di laurea specifici per i dipendenti pubblici ...

Stampa articolo Stampa articolo

Procura della Repubblica. Fatture per operazioni inesistenti, sequestro preventivo per euro 318.485,13

16/07/2021
By

Nella mattinata odierna, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, i militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Solopaca hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Benevento, finalizzato alla confisca per equivalente, fino alla concorrenza di euro 318.485,13, nei confronti di una società operante nel settore dei cablaggi elettrici nonché del suo amministratore. Gli elementi di fatto contestati all’amministratore della società, indagato per il delitto di cui all’art. 2 del D. Lgs. nr. 74/2000, si riferiscono all’utilizzo di fatture relative ad operazioni oggettivamente inesistenti poste in essere nel periodo 26.02.2015 – 31.12.2018 per un ammontare imponibile complessivo pari ad euro 1.453.660 ed I.V.A. (aliquota 22%) pari ad euro 318.484,00. Gli accertamenti, in sintesi, hanno consentito di appurare che la società che ha emesso le fatture non avrebbe mai potuto fornire le prestazioni commerciali perché mera società “cartiera”, in quanto, dal giugno 2015, non disponeva di fattori di produzione, non possedendo né mezzi, né attrezzature, né dipendenti. La società “cartiera”, infatti, continuando ad esistere sul mercato solo formalmente, ha emesso le fatture per operazioni inesistenti in favore della società destinataria del provvedimento di sequestro preventivo al fine di consentire a quest’ultima di indicare nelle dichiarazioni fiscali elementi passivi fittizi, in tal modo ottenendo un indebito risparmio di imposta. L’operazione odierna costituisce un ulteriore positivo risultato raggiunto dall’Autorità Giudiziaria e dalla Guardia di Finanza, impegnate quotidianamente, a tutela della sicurezza economica e finanziaria dell’area della Valle Telesina, nelle attività volte al contrasto delle forme più insidiose di evasione fiscale e dei crimini finanziari.

Tags: