sabato 24 Luglio 2021 Progetto Lumode, Perifano: “Una Caporetto per l’amministrazione. Mai più improvvisazione e sciatteria” | infosannionews.it sabato 24 Luglio 2021
Smooth Slider

Rossana Pasquino. Si intensificano gli allenamenti in vista di Tokyo 2020

Tra un mese, dal 24 agosto al 5 settembre, si ...

Sant’Agata de’ Goti. Gruppi Pd e Dei Goti : “La maggioranza non ci metterà il bavaglio.”

Sant'Agata de' Goti. Gruppi Pd e Dei Goti : La maggioranza non ci metterà il bavaglio.

Difenderemo sempre le prerogative della Città” “Ringraziamo la maggioranza consiliare ...

Musei Giocando. Il 27 e 28 Luglio due laboratori didattici presso Arcos e Chiostro Santa Sofia per i più piccoli

SannioEuropa, la società in house della Provincia di Benevento, nell'ambito ...

Puglianello. Castello Baronale : finanziata la messa in sicurezza della proprietà comunle

Il Sindaco Rubano : "Mettiamo a segno un'altro traguardo storico".Ancora ...

Attilio Cappa con Mastella in Meglio Noi

La famiglia al centro del programma elettorale dell’avvocato Attilio Cappa: ...

Noi Campani. Cinzia Antonino nominata vice responsabile del movimento femminile provinciale

Noi Campani. Cinzia Antonino nominata vice responsabile del movimento femminile provinciale

Il segretario ed il presidente provinciale di Noi Campani, Molly ...

Progetto Lumode, Perifano: “Una Caporetto per l’amministrazione. Mai più improvvisazione e sciatteria”

23/06/2021
By

Il candidato sindaco di ‘Alternativa per Benevento’ interviene sul progetto riguardante Piazza Risorgimento e l’area del Terminal:

“Il gran pasticcio del progetto Piazza Risorgimento-Area terminal autobus extraurbani è emblematico di uno sconsiderato modo di procedere dell’attuale amministrazione”.

Così Luigi Diego Perifano, candidato sindaco di ‘Alternativa per Benevento’.

“Ieri, nel corso di una conferenza stampa convocata dall’associazione Altrabenevento, – prosegue Perifano – sono stati resi noti i rilievi dell’Autorità Anticorruzione sul progetto targato Lumode. Una caporetto: piano economico finanziario da rifare; quota di investimento a carico dei privati non conforme a legge; procedure contrattuali da rivedere”.

“Eppure – aggiunge il candidato sindaco – si tratta di un intervento che riguarda un’area nevralgica della città e che non ha mancato di accendere, per le sue caratteristiche, vibranti proteste in larghi settori della pubblica opinione, che hanno visto calare sul territorio un progetto di cementificazione dell’area senza alcuna possibilità di preventivo confronto”.

“Ora – conclude Luigi Diego Perifano – non resta che resettare tutto e interpellare il Consiglio Comunale, sin qui (come in tante altre vicende) tenuto ai margini delle scelte. Mai più improvvisazione e sciatteria, spazio a scelte partecipate e condivise”.

Tags: ,