sabato 24 Luglio 2021 La Fondazione Gerardino Romano il 30 Giugno ospita la poetessa e scrittrice sannita Rita Pacilio | infosannionews.it sabato 24 Luglio 2021
Smooth Slider

Rossana Pasquino. Si intensificano gli allenamenti in vista di Tokyo 2020

Tra un mese, dal 24 agosto al 5 settembre, si ...

Sant’Agata de’ Goti. Gruppi Pd e Dei Goti : “La maggioranza non ci metterà il bavaglio.”

Sant'Agata de' Goti. Gruppi Pd e Dei Goti : La maggioranza non ci metterà il bavaglio.

Difenderemo sempre le prerogative della Città” “Ringraziamo la maggioranza consiliare ...

Musei Giocando. Il 27 e 28 Luglio due laboratori didattici presso Arcos e Chiostro Santa Sofia per i più piccoli

SannioEuropa, la società in house della Provincia di Benevento, nell'ambito ...

Puglianello. Castello Baronale : finanziata la messa in sicurezza della proprietà comunle

Il Sindaco Rubano : "Mettiamo a segno un'altro traguardo storico".Ancora ...

Attilio Cappa con Mastella in Meglio Noi

La famiglia al centro del programma elettorale dell’avvocato Attilio Cappa: ...

Noi Campani. Cinzia Antonino nominata vice responsabile del movimento femminile provinciale

Noi Campani. Cinzia Antonino nominata vice responsabile del movimento femminile provinciale

Il segretario ed il presidente provinciale di Noi Campani, Molly ...

La Fondazione Gerardino Romano il 30 Giugno ospita la poetessa e scrittrice sannita Rita Pacilio

23/06/2021
By

Evento on line – diretta facebook

Mercoledì 30 giugno 2021, alle ore 19.00, la Fondazione Gerardino Romano ospitera la poetessa e scrittrice Rita Pacilio e il suo romanzo d’esordio Cosa rimane, Augh Utterson 2021.

L’evento sara coordinato dalla Prof. Maria Teresa Imparato e verra trasmesso on line, in diretta streaming, sulla pagina facebook della Fondazione al seguente link https://www.facebook.com/fondazioneFGR

Maria Grazia Costantini dialoghera con l’Autrice. Anche questo appuntamento rientra tra le attivita culturali promosse dalla Fondazione per favorire l’invito e l’educazione alla lettura.

“Lorena è una donna abituata a fare i conti con i sentimenti eterni: l’amore, la rinuncia, la paura, l’umiliazione, la vergogna, la privazione. L’incontro con Clara dà inizio a un’analisi degli avvenimenti del suo passato, che ora rilegge illuminati da una nuova coscienza. Clara, in punto di morte, le affida la sua borsa, in cui c’è una pennetta USB e un grande segreto. Entrano in scena personaggi come Luca D., l’uomo ombroso conosciuto in rete, gli amici del Centro di ascolto, Mirna, padre Alfonso e Luca, il senzatetto in fuga da un fallimento familiare che la saluterà con una lettera. Lettera che sembra l’ultimo tassello di una storia di migliaia di missive, di scritti, di testimonianze d’amore che ora Lorena riconosce come ipotetici sviluppi del resoconto della propria vita. Sarà un video di Clara a metterla di fronte a una decisione molto importante: una caccia al coraggio per dare valore alle sue storie passate, al suo presente che, nonostante tutto, continua a essere carico di sorprese e colpi di scena.”

Rita Pacilio e poetessa, scrittrice, sociologa, mediatrice familiare. Si occupa di poesia, di critica letteraria, di metateatro, di saggistica, di letteratura per l’infanzia e di vocal jazz. Direttrice del marchio Editoriale RPlibri e Presidente dell’Associazione Arte e Saperi. Ha ideato e coordina il Festival della Poesia nella Cortesia di San Giorgio del Sannio. Sue recenti pubblicazioni di poesia: Gli imperfetti sono gente bizzarra, Quel grido raggrumato, Il suono per obbedienza, Prima di andare, Al polso porto catene, La venatura della viola. Per la prosa poetica: Non camminare scalzo, L’amore casomai. Per la saggistica: Pretesti danteschi per riflettere di sociologia. Per la narrativa: Cosa rimane. Pubblicazioni di letteratura per l’infanzia: La principessa con i baffi, Cantami una filastrocca, La favola dell’Abete, La vecchina brutta e cattiva. E: stata tradotta in greco, in romeno, in francese, in arabo, in inglese, in spagnolo, in catalano, in georgiano, in napoletano.