sabato 24 Luglio 2021 San Marco dei Cavoti,tre persone denunciate dai Carabinieri per frode informatica di 7mila euro | infosannionews.it sabato 24 Luglio 2021
Smooth Slider
Il M5S sull’assenza di strategie culturali a Benevento

Il M5S sull’assenza di strategie culturali a Benevento

Già lo abbiamo detto, scrive Annamaria Mollica, ma occorre ripeterlo: ...

Elezioni, Perifano: “Superiamo gli steccati ideologici, sfida riguarda solo Benevento”

Elezioni, Perifano: “Superiamo gli steccati ideologici, sfida riguarda solo Benevento”

Così su facebook Luigi Diego Perifano, candidato sindaco di Alternativa ...

San Pio. Nuovo ricovero Covid 19

San Pio. Nuovo ricovero Covid 19

Un nuovo ricovero Covid 19 al San Pio di Benevento. ...

Rossana Pasquino. Si intensificano gli allenamenti in vista di Tokyo 2020

Tra un mese, dal 24 agosto al 5 settembre, si ...

Sant’Agata de’ Goti. Gruppi Pd e Dei Goti : “La maggioranza non ci metterà il bavaglio.”

Sant'Agata de' Goti. Gruppi Pd e Dei Goti : La maggioranza non ci metterà il bavaglio.

Difenderemo sempre le prerogative della Città” “Ringraziamo la maggioranza consiliare ...

Musei Giocando. Il 27 e 28 Luglio due laboratori didattici presso Arcos e Chiostro Santa Sofia per i più piccoli

SannioEuropa, la società in house della Provincia di Benevento, nell'ambito ...

San Marco dei Cavoti,tre persone denunciate dai Carabinieri per frode informatica di 7mila euro

18/06/2021
By

I Carabinieri della Stazione di San Marco dei Cavoti, coordinati dalla Compagnia di San Bartolomeo in Galdo, hanno denunciato in stato di libertà un 18enne della provincia di Napoli,  un 85enne ed una 52enne padre e figlia della provincia di Ancona, tutti già noti alle Forze dell’Ordine, per frode informatica e truffa.

Le indagini sono state avviate lo scorso marzo in seguito alla denuncia di una donna locale e hanno consentito di accertare che i tre avevano messo a segno un tipico colpo di “phishing”. Infatti avevano comunicato alla donna che la sua carta di credito sarebbe stata bloccata mediante un sms inviatole dal telefono del 18enne, che conteneva un link ad un falso sito internet, che richiamava i loghi e l’istituto di credito di cui la donna è cliente, inducendola a fare accesso al sito e ad immettere i dati sensibili del suo conto, riuscendo quindi a carpirli e ad utilizzarli per effettuare un accredito via web di circa settemila euro su un conto corrente cointestato all’85enne ed alla 52enne.

Si raccomanda ancora una volta di diffidare di e-mail e messaggi di ogni sorta provenienti da utenze sconosciute, di rivolgersi sempre ai propri istituti di credito tramite i canali ufficiali e di segnalare tempestivamente ogni caso sospetto al numero di pronto intervento “112” o alle Stazioni presenti sul territorio.

Tags: