lunedì 26 Settembre 2022 Frana di Montaguto: accordo tra Regione Campania e Dipartimento di Scienze e Tecnologie dell’Università del Sannio | infosannionews.it lunedì 26 Settembre 2022
  • Benevento e Provincia, dati finali: ha votato il 59,34% degli elettori; il precedente era del 73,36%
Smooth Slider
Provincia. Contrordine dopo la nuova ordinanza sindacale : domani uffici aperti

Provincia. Contrordine dopo la nuova ordinanza sindacale : domani uffici aperti

A seguito dell'ultima Ordinanza in materia di allerta meteo firmata ...

Provincia. Domani 26 Settembre uffici chiusi. Assicurati i servizi essenziali

Provincia. Domani 26 Settembre uffici chiusi. Assicurati i servizi essenziali

Gli Uffici della Provincia di Benevento saranno chiusi al pubblico ...

Le Giornate Europee del Patrimonio al Teatro Romano di Benevento con Eternità

L’atteso appuntamento con le Giornate Europee del Patrimonio, iniziativa promossa ...

Libertas Benevento. Alla Finale Regionale categoria ragazzi 3 ori, 2 argenti e 6 bronzi

Si è disputata ad Avellino la finale regionale dei campionati ...

Pietrelcina. Problema “amianto”: il sostegno dell’amministrazione comunale.

Pietrelcina. Problema “amianto”: il sostegno dell’amministrazione comunale.

L’ente comune aderisce allo sportello amianto.  Mazzone: “intendiamo aiutare tutti ...

Stampa articolo Stampa articolo

Frana di Montaguto: accordo tra Regione Campania e Dipartimento di Scienze e Tecnologie dell’Università del Sannio

28/05/2021
By

Siglato un accordo tra la Regione Campania e il Dipartimento di Scienze e Tecnologie dell’Università del Sannio per lo studio dell’evoluzione della frana di Montaguto (AV) con tecniche di monitoraggio integrato.

Il fenomeno franoso di vaste dimensioni, all’attenzione del Dipartimento della Protezione Civile dal 2010, interessa il territorio comunale di Montaguto, laSS90 delle Puglie e la linea ferroviaria Benevento-Foggia, infrastrutture strategiche di collegamento tra Campania e Puglia.

La frana attiva più grande d’Europa, con 3 km di estensione e 6 milioni di metri cubi di terreno, viene continuamente monitorata. Adesso, a seguito dell’accordo con il Dipartimento UniSannio, saranno significativamente rafforzate le attività di monitoraggio e implementate delle specifiche strumentazioni per la realizzazione di attività di studio e di ricerca. I dati raccolti e risultati della ricerca saranno condivisi con la Protezione Civile della Regione Campania.

“Si tratta di informazioni che hanno un forte interesse scientifico ma allo stesso tempo possono contribuire all’avvio di azioni tempestive nella gestione della frana”, ha dichiarato il prof. Francesco Guadagno che insieme alla professoressa Paola Revellino è responsabile scientifico del programma di attività di ricerca.

Un caso internazionale di impatto scientifico rilevante sia per l’estensione che per la modalità di gestione.

Tags: