giovedì 6 Maggio 2021 Aversano a Quarantiello ” Ognuno ha il suo stile, alla maleducazione non si può porre rimedio”. | infosannionews.it giovedì 6 Maggio 2021
Smooth Slider

Trinomio Speciale : Scienza, Consapevolezza e web

Spesso il PCTO, a scuola, specialmente per i licei, viene ...

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

L'Asl di Benevento ha processato oggi 1105 tamponi dai quali ...

Unifortunato oggi ha celebrato 15 anni di storia

https://youtu.be/cl1INTq4OGUOtto corsi di laurea, iscrizioni in aumento, che sono cresciute ...

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

Nell’ambito delle azioni poste in essere dal DIPARTIMENTO «TRANSIZIONE ECOLOGICA, ...

Un Cd con Anna Tifu per L’Accademia di Santa Sofia.

La stella internazionale del violino è attualmente ospite a Benevento ...

Samnium Università della Musica e il nuovo turismo musicale il 10 Maggio conferenza a Montecitorio

Lunedì prossimo, 10 maggio, conferenza stampa, organizzata dalla Samnium Università ...

Aversano a Quarantiello ” Ognuno ha il suo stile, alla maleducazione non si può porre rimedio”.

16/04/2021
By

Ad un post su facebook il consigliere comunale Marcellino Aversano affida tutto il suo rammarico e le sue considerazioni per quanto accadutogli nel consiglio comunale da remoto di ieri. Scrive Aversano : “Mio malgrado, come noto, nel corso del Consiglio Comunale di ieri, tenutosi in modalità ‘da remoto’ – sono stato protagonista di un episodio spiacevole. Per delle questioni squisitamente tecniche, infatti, non sono riuscito a rispondere al primo appello al voto chiamato dalla Segretaria Comunale al termine della discussione su uno dei punti posti all’ordine del giorno del Consiglio. Un inconveniente che ha messo a rischio il prosieguo della seduta e di ciò mi dispiaccio. Tuttavia, non posso soprassedere sul comportamento tenuto nei miei confronti da un collega di maggioranza. Il riferimento è al consigliere Giovanni Quarantiello e all’offesa rivoltami. Da oltre dieci anni, ormai, ho l’onore di rappresentare a palazzo Mosti – da consigliere e da assessore – la Città di Benevento e nutro un rispetto assoluto per la funzione del Consiglio. Così non è per tutti, a quanto pare. Certo così non è per Giovanni Quarantiello. Ma ogni persona, si sa, ha un suo stile. E se a una connessione che funziona male si può porre rimedio, alla cattiva educazione no. Problemi suoi. Mi rivolgo dunque al sindaco Clemente Mastella che invece ha piena consapevolezza della sacralità dei luoghi in cui si esplicita la democrazia. Nel 2016, si ricorderà, per una offesa a mezzo social rivolta a Matteo Renzi, il sindaco arrivò a revocare la delega a un suo assessore. Oggi, trascorsi cinque anni, immagino che Mastella non voglia far passare sotto silenzio un’offesa rivolta pubblicamente a un consigliere nel corso di una seduta del Civico Consesso.”