giovedì 6 Maggio 2021 Uil e Uilp: gli anziani hanno pagato con la vita gli effetti del Covid.Vaccinarli è una responsabilità oltre che una priorità | infosannionews.it giovedì 6 Maggio 2021
Smooth Slider

Trinomio Speciale : Scienza, Consapevolezza e web

Spesso il PCTO, a scuola, specialmente per i licei, viene ...

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

L'Asl di Benevento ha processato oggi 1105 tamponi dai quali ...

Unifortunato oggi ha celebrato 15 anni di storia

https://youtu.be/cl1INTq4OGUOtto corsi di laurea, iscrizioni in aumento, che sono cresciute ...

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

Nell’ambito delle azioni poste in essere dal DIPARTIMENTO «TRANSIZIONE ECOLOGICA, ...

Un Cd con Anna Tifu per L’Accademia di Santa Sofia.

La stella internazionale del violino è attualmente ospite a Benevento ...

Samnium Università della Musica e il nuovo turismo musicale il 10 Maggio conferenza a Montecitorio

Lunedì prossimo, 10 maggio, conferenza stampa, organizzata dalla Samnium Università ...

Uil e Uilp: gli anziani hanno pagato con la vita gli effetti del Covid.Vaccinarli è una responsabilità oltre che una priorità

15/04/2021
By

“Vaccinare le persone fragili e i pensionati deve essere la priorità, non possiamo permetterci di non tutelarli, abbiamo una responsabilità importante nei loro confronti”  è quanto affermano Giovanni Sgambati e Biagio Ciccone, rispettivamente segretari generali della UIL e della UIL Pensionati Campania.

“Il numero delle vittime parla chiaro e basta uno sguardo alle statistiche per rendersi inequivocabilmente conto che a pagare maggiormente le conseguenze del covid sono stati e sono ancora gli anziani. Nella loro tragicità – proseguono Sgambati e Ciccone – questi dati non possono lasciarci indifferenti. Ignorarli sarebbe una grave colpa”.

“Ci rendiamo conto che anche i lavoratori, le lavoratrici, le categorie cosiddette “economiche” vanno vaccinate al più presto, per favorire la piena ripresa delle attività e della nostra economia. Proprio per questo abbiamo siglato e sostenuto un accordo per i vaccini sui luoghi di lavoro, ma la priorità ai soggetti più fragili resta un ineludibile punto fermo, anzi è la premessa per un ritorno alla normalità, perché fino a quando la vita stessa dei soggetti più fragili sarà in pericolo, ogni tentativo di tornare alla normalità sarà velleitario.”

 “Una volta messi “al riparo” dal virus gli anziani – concludono i segretari di UIL e UIL Pensionati – potremo precedere con l’immunizzazione delle altre categorie. È importante però che la distribuzione dei vaccini sia equa e coerente su tutto il territorio nazionale, cosi come ci aspettiamo che le istituzioni mostrino coerenza, lungimiranza, responsabilità, per scongiurare fughe in avanti e dichiarazioni fuorvianti che in questo momento più che mai non giovano alla causa comune.”

Tags: ,