domenica 16 Maggio 2021 Nomine e Caso Boccalone, Maglione: “Ennesimo errore amministrativo di Di Maria”. | infosannionews.it domenica 16 Maggio 2021
Smooth Slider
Asl Benevento. 28 positività dai 527 tamponi di oggi

Asl Benevento. 28 positività dai 527 tamponi di oggi

Per la prima volta i positivi sono tutti asintomatici. Nessun ...

Pietrelcina. Folla di fedeli e devoti di Padre Pio nella cittadina sannita

Una domenica speciale con la grande affluenza. Polemiche e mugugni  ...

San Pio, nessun deceduto e nessun dimesso. Aumentano i ricoverati.

San Pio, nessun deceduto e nessun dimesso. Aumentano i ricoverati.

Oggi domenica 16 Maggio dal bollettino dell'Azienda Ospedaliera San Pio ...

San Leucio del Sannio. Ancora un alunno positivo, prolunga la chiusura l’I.C. Settembrini

San Leucio del Sannio. Ancora un alunno positivo, prolunga la chiusura l'I.C. Settembrini

"Porto a conoscenza della Cittadinanza tutta che, a motivo di ...

Noi Campani : “Ai grillini locali abbiamo chiesto solo chiarezza”

Noi Campani : Ai grillini locali abbiamo chiesto solo chiarezza

"Prendiamo atto delle ultime dichiarazioni, riportate dalla stampa, del consigliere ...

Airola. Assembramento di persone in un bar, 29enne aggredisce i Carabinieri, arrestato.

Airola. Assembramento di persone in un bar, 29enne aggredisce i Carabinieri, arrestato.

Nella tarda serata di ieri, ad Airola, i carabinieri della ...

Nomine e Caso Boccalone, Maglione: “Ennesimo errore amministrativo di Di Maria”.

14/04/2021
By

“L’intervento dell’Autorità Nazionale Anticorruzione sulle nomine di Nicola Boccalone, come Commissario Straordinario dell’Asea e direttore Generale della Rocca, ha reso fin troppo evidenti tutti i limiti della gestione amministrativa del Presidente della Provincia Antonio Di Maria e che io già da tempo avevo rilevato”,  così in una nota il deputato M5S Pasquale Maglione.

“Dopo che l’Anac ha dichiarato illegittime le nomine di Boccalone perché incompatibili con le norme anticorruzione – prosegue il deputato – Di Maria ha affidato gli incarichi alla responsabile anticorruzione cui sarebbe spettato segnalare l’illegittimità di quelle nomine. Al danno si aggiunge quindi la beffa, dal momento che chi doveva vigilare sul rispetto delle norme non solo sbaglia ma viene anche ‘promosso’” – rileva Maglione.

“D’altronde questo è il metodo che piace a Di Maria – incalza il deputato – come peraltro dimostra il clamoroso licenziamento dell’ex segretario generale della Rocca, Franco Nardone, che era stato il primo a segnalare l’irregolarità degli incarichi di Boccalone. Ma non è la prima volta che il presidente della Provincia dimentica le norme sulle assunzioni.

Ce lo ricorda il caso della remunerazione riconosciuta a Renato Parente come proprio capo staff, benché Parente fosse anche consigliere comunale e quindi non potesse ricevere la doppia indennità.

Alla luce di quanto avvenuto, sembra quindi opportuno ricordare al presidente Di Maria che il suo ruolo non è costruire liste per il suo mentore né tantomeno dedicarsi alle inaugurazioni di opere, semmai pure appartenenti a vecchie programmazioni, ma di gestire la Provincia secondo la legge dello Stato e non secondo una infelice interpretazione delle stesse”, conclude Maglione.

Tags: