giovedì 6 Maggio 2021 Pepe : “A Benevento una mera e fredda gestione del potere” | infosannionews.it giovedì 6 Maggio 2021
Smooth Slider

Trinomio Speciale : Scienza, Consapevolezza e web

Spesso il PCTO, a scuola, specialmente per i licei, viene ...

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

L'Asl di Benevento ha processato oggi 1105 tamponi dai quali ...

Unifortunato oggi ha celebrato 15 anni di storia

https://youtu.be/cl1INTq4OGUOtto corsi di laurea, iscrizioni in aumento, che sono cresciute ...

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

Nell’ambito delle azioni poste in essere dal DIPARTIMENTO «TRANSIZIONE ECOLOGICA, ...

Un Cd con Anna Tifu per L’Accademia di Santa Sofia.

La stella internazionale del violino è attualmente ospite a Benevento ...

Samnium Università della Musica e il nuovo turismo musicale il 10 Maggio conferenza a Montecitorio

Lunedì prossimo, 10 maggio, conferenza stampa, organizzata dalla Samnium Università ...

Pepe : “A Benevento una mera e fredda gestione del potere”

13/04/2021
By

“L’ANAC ha annullato la nomina del Direttore Generale della Provincia e imposto al Presidente Di Maria di non procedere a nuove nomine per tre mesi.”

La decisione sulla inconferibilità degli incarichi dirigenziali e non solo, di cui al D.L. 39/2013, e cioè la norma che dovrebbe tutelare gli Enti pubblici dagli abusi e dalla corruzione, scrive Fausto Pepe, fa emergere un vero e proprio sistema di potere, che porta la città di Benevento indietro di decenni, e non solo sul piano politico-amministrativo, ma più in generale sul modo di “interpretare il ruolo apicale” con la finalità di rendere gli Enti Pubblici “utili contenitori e moltiplicatori” di consenso elettorale. Gli accordi politici di Mastella, che passano per il mantenimento dei numeri nella maggioranza a Palazzo Mosti, e in prospettiva per rafforzare le “liste” nella prossima competizione elettorale della Città, si intrecciano sempre più spesso e sempre con più “ingenerosa arroganza”, con le nomine del Presidente della Provincia Di Maria. La teoria cioè della mera e fredda gestione del potere, che nulla a che vedere con la “visione” territoriale, con lo sviluppo, con la crescita o con la competitività, un metodo cioè politico-culturale degno del peggiore periodo della cosiddetta prima repubblica. Le storie note e su cui riflettere sono diverse, e comunque troppe per una istituzione pubblica. La nomina dell’ex Assessore Comunale Picucci a Presidente nel consiglio di Amministrazione del CTS della Provincia di Benevento, poi dimessosi, che viola palesemente la norma sulla anticorruzione, di recente peraltro nominato “medico competente” in ASIA del Comune di Benevento. La nomina del Consigliere Comunale in carica Parente a Capo Staff della Provincia, Ente dove il Presidente viene votato direttamente dai consiglieri comunali, e che viola palesemente la norma sulla anticorruzione. La nomina del Consigliere Comunale in carica Capuano quale componente del consiglio di amministrazione di ASEA, ente strumentale della Provincia di Benevento. E qui sorge spontanea una legittima domanda, e cioè chi “poteva non sapere” che Capuano fosse un consigliere comunale in carica di Benevento? E cioè di una città con più di 15.000 abitanti così come prevede il D.L 39/2013. Forse lo ignorava il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria o anche lo stesso Sindaco Mastella? La nomina dell’Avv. Boccalone a Direttore Generale sempre della Provincia di Benevento, anche qui ahimè, storia recente vittima, vittima del D.L. 39/2013 norma sulla anticorruzione e dell’ANAC. Ci sarebbero da approfondire i casi delle nomine in SAMTE e Sannio Europa, ma insomma una serie quasi interminabile di atti viziati o illegittimi secondo la legge sulla anticorruzione. Benevento, conclude Pepe, merita davvero di meglio, e merita davvero un futuro.

Tags: