giovedì 6 Maggio 2021 Giovanni Picone : “La fredda decisione dell’ANAC!” | infosannionews.it giovedì 6 Maggio 2021
Smooth Slider

Trinomio Speciale : Scienza, Consapevolezza e web

Spesso il PCTO, a scuola, specialmente per i licei, viene ...

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

L'Asl di Benevento ha processato oggi 1105 tamponi dai quali ...

Unifortunato oggi ha celebrato 15 anni di storia

https://youtu.be/cl1INTq4OGUOtto corsi di laurea, iscrizioni in aumento, che sono cresciute ...

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

Nell’ambito delle azioni poste in essere dal DIPARTIMENTO «TRANSIZIONE ECOLOGICA, ...

Un Cd con Anna Tifu per L’Accademia di Santa Sofia.

La stella internazionale del violino è attualmente ospite a Benevento ...

Samnium Università della Musica e il nuovo turismo musicale il 10 Maggio conferenza a Montecitorio

Lunedì prossimo, 10 maggio, conferenza stampa, organizzata dalla Samnium Università ...

Giovanni Picone : “La fredda decisione dell’ANAC!”

10/04/2021
By

Ho appreso dall’articolo pubblicato oggi su un quotidiano locale, scrive Giovanni Picone,  che l’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac) ha deliberato la nullità del contratto di Direttore Generale della Provincia di Benevento, conferito all’avv. Nicola Boccalone per l’inconferibilità dell’incarico. Adesso secondo il Decreto Legislativo n.39 del 8 aprile 2013 “dovrebbero” essere applicate le sanzioni previste all’art. 18, cioè che “i componenti degli organi che hanno conferito gli incarichi dichiarati nulli sono responsabili per le conseguenze economiche degli atti adottati, e per tre mesi non possono conferire gli incarichi di loro competenza”.

Colgo l’occasione per rinnovare la mia solidarietà al dott. Franco Nardone ex. Segretario della Provincia di Benevento, che venne licenziato per aver segnalato all’Autorità Nazionale Anticorruzione, la presunta ipotesi di inconferibilità della nomina di Direttore Generale, fatta dal Presidente Di Maria (Decreto del Presidente della Provincia n. 24 del 19/07/2019) all’avv. Boccalone.

Nardone che in passato è stato duramente contestato dall’Amministrazione Provinciale , dovrebbe essere visto come esempio di correttezza amministrativa per aver fatto rispettare le leggi e i regolamenti.

Adesso spetta all’attuale Segretario Generale dell’Ente, la dott.ssa Maria Luisa Dovetto ottemperare quanto deliberato dall’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Premetto che non dubito minimamente della correttezza professionale della dottoressa Maria Luisa Dovetto, anche se sussistono altre due vicende spinose, sulle quali la Dovetto in qualità di Responsabile Anticorruzione dell’Ente Provincia, ha il dovere di intervenire.

La prima vicenda è la dichiarazione n. prot. 0027351  fatta in data 23/11/2020 dall’attuale Consigliere comunale Antonio Capuano, dove al punto 5. dichiara di non ricoprire alcuna carica di Consigliere comunale all’interno di un Comune con popolazione superiore a 15.000 abitanti; è abbastanza evidente che tale dichiarazione non è veritiera.

La seconda vicenda, dove auspico e spero in un chiarimento da parte della Responsabile Anticorruzione della Provincia, riguarda i due addetti stampa assunti come collaboratori esterni dalla società partecipata Sannio Europa, per promuovere l’offerta culturale della Rete Museale della Provincia (attualmente chiusa), ma che invece sembrano stanziati alla Rocca dei Rettori a curare le dichiarazioni e le pagine social (facebook) della Presidenza della Provincia.

Tutto ciò in contrasto con la legge nazionale che istituisce gli uffici stampa all’interno della pubblica amministrazione, inoltre sul sito web istituzionale della Provincia non è stata pubblicata nessuna delibera o decreto presidenziale che autorizza i due collaboratori esterni a frequentare gli uffici della Rocca dei Rettori.

In conclusione, scrive Giovanni Picone, resto meravigliato dal silenzio della classe politica su una vicenda di tale grande rilievo politico amministrativo, che potrebbe avere gravissime ripercussioni anche sul piano finanziario dell’Ente Provincia.

Tags: