giovedì 6 Maggio 2021 Truffe on line: agricoltore compra un mini escavatore ma non riceve l’attrezzo. Denunciate tre persone. | infosannionews.it giovedì 6 Maggio 2021
Smooth Slider

Trinomio Speciale : Scienza, Consapevolezza e web

Spesso il PCTO, a scuola, specialmente per i licei, viene ...

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

Asl Benevento, dai tamponi 76 positivi

L'Asl di Benevento ha processato oggi 1105 tamponi dai quali ...

Unifortunato oggi ha celebrato 15 anni di storia

https://youtu.be/cl1INTq4OGUOtto corsi di laurea, iscrizioni in aumento, che sono cresciute ...

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

A Orazio Morganella(PD) la delega alle Aree di Sviluppo Industriale (ASI) Benevento

Nell’ambito delle azioni poste in essere dal DIPARTIMENTO «TRANSIZIONE ECOLOGICA, ...

Un Cd con Anna Tifu per L’Accademia di Santa Sofia.

La stella internazionale del violino è attualmente ospite a Benevento ...

Samnium Università della Musica e il nuovo turismo musicale il 10 Maggio conferenza a Montecitorio

Lunedì prossimo, 10 maggio, conferenza stampa, organizzata dalla Samnium Università ...

Truffe on line: agricoltore compra un mini escavatore ma non riceve l’attrezzo. Denunciate tre persone.

09/04/2021
By

I Carabinieri della Stazione di Castelfranco in Miscano, coordinati dalla Compagnia di San Bartolomeo in Galdo, a conclusione di un’articolata attività d’indagine, hanno denunciato in stato di libertà una 52enne calabrese, un 28enne originario della Costa d’Avorio ed una 42enne laziale per il reato di truffa in concorso.

Le indagini, avviate nello scorso mese di febbraio a seguito della denuncia di un agricoltore locale, hanno consentito di accertare che i truffatori avevano pubblicato su un noto social network un falso annuncio di vendita di un mini escavatore, inducendo il denunciante, a seguito di contrattazioni telefoniche intrattenute sul telefono in uso all’ivoriano, a versare quasi mille euro alla donna calabrese mediante un vaglia postale; il tutto con la complicità della donna laziale, intestataria di una carta di credito su cu i truffatori avevano chiesto un ulteriore pagamento di circa cinquecento euro per delle pretestuose spese di assicurazione, tasse e consegna del mezzo. Ricevuta la prima somma ed al diniego del denunciante ad ottemperare all’ulteriore richiesta di denaro, i malfattori si sono resi irreperibili senza mai consegnargli quanto pattuito.

I Carabinieri rinnovano e raccomandano massima attenzione e prudenza nell’effettuare contrattazioni telefoniche ed on-line, segnalando tempestivamente ogni situazione sospetta al numero di pronto intervento “112” o alle Stazioni presenti sul territorio.

Tags: