sabato 17 Aprile 2021 Peculato e autoriciclaggio: esecuzione di sequestro di beni per il direttore dell’ ufficio postale di Limatola | infosannionews.it sabato 17 Aprile 2021
Smooth Slider
Bonea, al via montaggio palestra: sarà pronta a Settembre

Bonea, al via montaggio palestra: sarà pronta a Settembre

Sport, giovani e aggregazione. L'Amministrazione comunale di Bonea compie importanti ...

Alta Velocità NA-BA: il Centro Studi “A. Moro” ricevuto dal Commissario prefettizio Boniello.

“Verificheremo in ogni sede istituzionale la fondatezza di quanto denunciato ...

Imprese e Ristori. Schipani (Medimpresa-Acai) : “Istituire un tavolo istituzionale con tutta la deputazione sannita”

Imprese e Ristori. Schipani (Medimpresa-Acai) : Istituire un tavolo istituzionale con tutta la deputazione sannita

La condizione che sta caratterizzando la vita imprenditoriale e quella ...

Errico: “Recovery, incontrerò i sindacati per un’azione sinergica “

Errico: “Recovery, incontrerò i sindacati per un’azione sinergica “

“Ho ricevuto il Documento Unitario di CGIL, CISL e UIL ...

Provincia. Altri 3 dipendenti positivi

Provincia. Altri 3 dipendenti positivi

Nel tardo pomeriggio di oggi si è appreso del tampone ...

Peculato e autoriciclaggio: esecuzione di sequestro di beni per il direttore dell’ ufficio postale di Limatola

08/04/2021
By

Nella mattinata odierna, all’esito di indagini coordinate dai magistrati della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, i militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Montesarchio (BN) stanno eseguendo un decreto di sequestro preventivo fino alla concorrenza di € 279.778,24 di beni mobili ed immobili, emesso dall’Ufficio G.I.P. di Benevento nei confronti di un soggetto gravemente indiziato dei reati di peculato ed autoriciclaggio.

La misura cautelare patrimoniale, adottata dal GIP del Tribunale di Benevento, è stata chiesta al termine di un’articolata attività investigativa, nel corso della quale le Fiamme Gialle ricostruivano un univoco e chiaro quadro indiziario dal quale emergeva che il soggetto indagato, in virtù dell’apicale ruolo ricoperto di direttore dell’ufficio postale di Limatola, si impossessava di ingenti somme di denaro depositate su buoni fruttiferi e libretti postali intestati a taluni clienti che gli avevano affidato la custodia degli stessi.

Le investigazioni, eseguite attraverso mirate indagini finanziarie nell’ambito delle quali si analizzavano innumerevoli transazioni, dimostravano, altresì, che parte delle somme sottratte venivano successivamente trasferite dall’indagato su conti correnti, di cui aveva la disponibilità, intestati ad altri soggetti (familiari), attraverso versamenti frazionati.

Sono in corso, presso vari Istituti di Credito, le sistematiche operazioni di ricerca finalizzate all’individuazione di disponibilità bancarie e/o finanziarie che saranno sottoposte a sequestro, sino alla concorrenza dell’appropriazione indebita.

Tags: