domenica 7 Marzo 2021 Per il 150esimo anniversario, che cadrà nel 2023, il Museo del Sannio si rifa il maquillage | infosannionews.it domenica 7 Marzo 2021
Smooth Slider
Inzaghi si tiene stretto il gol di Gaich. Spezia 1 Benevento 1

Inzaghi si tiene stretto il gol di Gaich. Spezia 1 Benevento 1

Un buon pareggio tra due squadre che hanno cercato sul ...

Asl Benevento. 55 positivi dai 359 tamponi processati

Asl Benevento. 55 positivi dai 359 tamponi processati

E' quanto fa sapere l'Asl con il bollettino giornaliero. Dei ...

San Nicola Manfredi. Arturo Vernillo risponde ad Angelo Capobianco

Il rappresentante di Sviluppo e Solidarietà, chiarisce diversi punti tirati ...

San Pio. Oggi 3 dimessi e nessun deceduto. Aumentano i positivi ricoverati e dai tamponi altri 15 positivi

San Pio. Oggi 3 dimessi e nessun deceduto. Aumentano i positivi ricoverati e dai tamponi altri 15 positivi

L'Azienda Ospedaliera San Pio comunica che oggi 3 pazienti positivi ...

Noi Campani: sciacallaggio mediatico da parte di Civico22

Noi Campani: sciacallaggio mediatico da parte di Civico22

"Quello portato avanti da Civico22 è un vero e proprio ...

Gesesa, Lunedì 8 Marzo: interruzione idrica a Benevento e Castelpoto ed uffici chiusi per zona rossa

GESESA - Benevento e Castelpoto: lunedì 8 marzo interruzione idrica ...

Per il 150esimo anniversario, che cadrà nel 2023, il Museo del Sannio si rifa il maquillage

23/01/2021
By

Due le parole chiavi volute dal direttore scientifico Mario Rotili : riassetto e riordino. E così questa mattina nella sala Vergineo del Museo del Sannio, alla presenza dell’assessore regionale al Turismo Felice Casucci, del sindaco di Benevento Clemente Mastella, del presidente della Provincia Antonio Di Maria e della senatrice M5S Danila De Lucia, è stato lo stesso Rotili a presentare il progetto. Tutto nasce anche dalla consapevolezza che esiste una sproporzione tra l’organizzazione museale e l’altissima qualità del patrimonio dei manufatti, alcuni di questi di rilevante importanza storico-artistica messi negli anni in deposito.

Due le sezioni che caratterizzeranno questo riassetto :  quella archeologica che comprenderà la preistoria, la protostoria, i sanniti, l’età classica, la sezione egizia e quella longobarda e quella tardomedievale e dell’età moderna con una  pinacoteca, un medagliere, una sezione numismatica, un gabinetto dei disegni e delle stampe e una sezione storica nella Rocca dei Rettori.

Il direttore scientifico ha anche parlato della sezione egizia dichiarando che :  “E’ un fiore all’occhiello del nostro patrimonio. Contiene una raccolta di reperti straordinari e bisognerà riorganizzarla nei locali di Palazzo del Governo. Le raccolte resteranno dove sono ma saranno articolati gli spazi secondo criteri scientifici”. Inoltre  si pensa anche ad una riproduzione in 3D e fisica degli ambienti dell’era faranoica, negli spazi sottostanti il Palazzo del Governo e distinguendo i percorsi dal Museo Arcos.

A proposito dei patrimoni culturali l’Assessore Regionale Casucci ha evidenziato come : “Bisogna rimodellare il turismo culturale dopo la pandemia per riqualificare il nostro patrimonio ma anche i piccoli borghi. E’necessario proporre al Governo un incremento dei fondi per il turismo in ginocchio e su questo ci sarà un incontro già martedì prossimo’”.

Tags: